Lo sport paralimpico: se ne parla a Cosenza in attesa della prima calabrese della IX giornata nazionale dedicata · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Lo sport paralimpico: se ne parla a Cosenza in attesa della prima calabrese della IX giornata nazionale dedicata

giornata_paralimpicaCOSENZA – Una manifestazione per sensibilizzare al mondo paralimpico. La sostiene con il proprio patrocinio l’Amministrazione comunale di Cosenza, su iniziativa della delegazione provinciale di Cosenza  del Comitato Italiano Paralimpico. Si terrà il 24 settembre prossimo, presso il Centro Sportivo Duemila Sport Center in città 2000, a partire dalle ore 15,00 e servirà a lanciare – come esplicitato nel tema stesso della manifestazione – la prima calabrese della Giornata Nazionale dello Sport Paralimpico che, alla sua nona edizione, si terrà il 3 ottobre a Reggio Calabria (oltre che a Salerno, Pisa e Milano).

L’iniziativa – dopo i saluti istituzionali del vicesindaco Luciano Vigna e del consigliere nazionale CONI Pino Abate – sarà coordinata da Stefano Muraca, delegato CIP Cosenza che darà voce a diversi interventi tecnici di addetti ai lavori.

Dopo questa prima parte teorica, alle 17 si svolgerà la dimostrazione pratica in acqua “Trova la differenza”, a cura dello staff ASD Nemo Cosenza e, a seguire, una dimostrazione con simulatore di vela a cura del Centro Velico Lampetia di Cetraro, presente, oltre che con il suo presidente, con gli istruttori dell’associazione sportiva dilettantistica cetrarese.

“La giornata nazionale paralimpica, la prima che si svolge in Calabria, è un chiaro segnale – afferma Stefano Muraca – che il vento sta cambiando. Si parte dal Sud e da Cosenza, nel riscaldare i motori in vista dell’appuntamento del 3 ottobre con la giornata nazionale,  vogliamo far conoscere, e non solo alla popolazione sportiva, la bellezza del movimento paralimpico, fatto sì da campioni come Versace e Zanardi, ma anche da tante piccole realtà associative che nel loro piccolo svolgono un ruolo straordinario per la realizzazione di un bel progetto, chiamato inclusione sociale attraverso lo sport”.

Commenta