Il Commissario Prefettizio garantisce continuità al servizio “Decoro Urbano” · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Il Commissario Prefettizio garantisce continuità al servizio “Decoro Urbano”

commissario_prefettizio_angelo_carboneCOSENZA – Il Commissario Prefettizio, Prefetto dott. Angelo Carbone, ha disposto la continuità del servizio “Decoro Urbano”, lo strumento di partecipazione e cittadinanza attiva che assegna ai cittadini un protagonismo diretto nella segnalazione di situazioni di degrado che possono verificarsi sul territorio comunale: dai comuni disservizi, come la presenza di una buca sul manto stradale, agli atti di vandalismo o incuria, alla presenza di un cumulo di rifiuti, alla mancanza di adeguata segnaletica, al degrado di un’area verde, alla presenza di un’affissione abusiva, ecc.

Attraverso l’applicativo gestionale gratuito web 2.0, denominato “Decoro Urbano”, i cittadini possono, infatti, inviare, con il proprio smartphone o il proprio computer o grazie ad altri dispositivi tecnologici, le segnalazioni riguardanti le situazioni di degrado urbano. Indispensabile è che il cittadino si registri con le proprie generalità sul sito www.decorourbano.org . Subito dopo può scaricare l’applicazione per il suo smartphone e fotografare ciò che non va e inviare la sua segnalazione attraverso il sistema automatizzato.

Il Comune assicurerà gli interventi in base alle priorità.

Per i cittadini che sono sprovvisti di smartphone o di altri supporti informatici o che non hanno dimestichezza con le nuove tecnologie, è garantita comunque la possibilità di segnalare i disservizi al Comune rivolgendosi direttamente all’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) di Piazza dei Bruzi. Un addetto del Comune provvederà a smistare la segnalazione ai settori competenti: per il Verde al Settore Decoro Urbano, per le buche e i rifiuti al Settore Ambiente e Manutenzione, per le perdite idriche e fognarie al Settore Lavori Pubblici e Infrastrutture.

Commenta