Il teatro del disagio nelle scuole di Cosenza. Per abbattere la discriminazione e avvicinare i giovani al volontariato · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Il teatro del disagio nelle scuole di Cosenza. Per abbattere la discriminazione e avvicinare i giovani al volontariato

cosenza_csv_il_mago_di_ozCOSENZA – Il teatro è un importante strumento di terapia e integrazione sociale per le persone con disagio psichico, con disabilità o che vivono situazioni di emarginazione.

Lo sa bene l’associazione Itinerari Sperimentali che, dal 2007, a Cosenza, si occupa di teatro e salute mentale e che, dal 2011, organizza ogni anno una rassegna teatrale con attori disabili, persone svantaggiate e volontari.

Itinerari Sperimentali vuol far conoscere ai giovani questa realtà abbattendo i muri culturali che alimentano la paura del diverso, favorendo la nascita di pregiudizi e discriminazioni. Dopo un primo incontro che si è svolto il 19 gennaio scorso presso l’aula magna dell’Istituto tecnico Quasimodo – Serra di Cosenza, destinato alle terze classi dell’istituto tecnico per geometri, gli altri due appuntamenti sono previsti con gli studenti dell’istituto tecnico commerciale Quasimodo – Serra il 26 febbraio e con gli studenti del liceo artistico il 15 marzo.

Durante gli incontri organizzatori, protagonisti ed attori della rassegna teatrale illustreranno agli studenti i vari momenti vissuti, gli approcci teorici e pratici alle situazioni di disagio e racconteranno, attraverso la proiezione di video, il lavoro svolto e le emozioni vissute sul palco e dietro le quinte.

“Il nostro intento è quello di realizzare una comunicazione con i ragazzi non solo razionale – ha affermato Anna Maria Di Rosa, presidente dell’associazione – ma anche emotiva, non banale e ridondante, ma essenziale e diretta. Nell’era in cui tutti parlano di comunicazione, anzi dove c’è abbondanza di comunicazione, paradossalmente si finisce per occultare i messaggi più veritieri. La comunicazione non è fatta solo di parole, ma paradossalmente anche di silenzi e di ascolto degli altri, di incontri di sguardi e di domande a cui tentare di dare qualche risposta”.

L’iniziativa è realizzata con il sostegno del Csv – Centro servizi per il volontariato della provincia di Cosenza nell’ambito delle Map – Micro azioni partecipate.

Per informazioni si può contattare Anna Maria Di Rosa al numero di telefono 320.6580815.

Commenta