Limitazioni di orario per gli esercizi pubblici di Piazza Santa Teresa a tutela della quiete e della sicurezza pubblica · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Limitazioni di orario per gli esercizi pubblici di Piazza Santa Teresa a tutela della quiete e della sicurezza pubblica

cosenza_piazza_santa_teresaCOSENZA – Il Commissario straordinario dott. Angelo Carbone ha adottato un’ordinanza contingibile ed urgente per la limitazione degli orari degli esercizi pubblici in piazza Santa Teresa e alcune vie limitrofe.

In particolare, l’ordinanza stabilisce limiti agli orari di apertura e chiusura degli esercizi pubblici per la somministrazione di alimenti e bevande (bar, ristoranti, circoli privati con somministrazione, esercizi commerciali ed esercizi artigianali di produzione e vendita di beni alimentari) ubicati in piazza S. Teresa, via S. Teresa e via N. Parisio.

Nei giorni da domenica a giovedì, l’orario massimo di apertura al pubblico è consentito tra le ore 6.00 e le ore 24.00; nei giorni di venerdì e sabato ed altri giorni precedenti giorni festivi, l’orario massimo di apertura al pubblico è consentito tra le ore 6.00 e le ore 02.00 del giorno successivo.

L’ordinanza ha natura sperimentale ed efficacia dal 21 marzo 2016 fino al 30 giugno 2016, salvo espressa proroga.

Il Commissario straordinario ha preso atto dei gravi disagi segnalati da numerosi cittadini residenti, che diverse volte hanno chiesto un contenimento degli orari di apertura per poter riposare nelle ore notturne, sempre più contraddistinte da schiamazzi e rumori. Il provvedimento adottato prende, dunque, atto della necessità di trovare un punto di equilibrio tra la giusta necessità di quiete avanzata dai residenti, da un lato, e le esigenze dei consumatori e dei gestori delle attività che forniscono servizi di svago e intrattenimento nelle ore serali e notturne, dall’altro; e si pone l’obiettivo di garantire il rispetto della quiete pubblica e della sicurezza pubblica, contrastando le problematiche connesse alla somministrazione di alcolici, all’inquinamento acustico ed ambientale, e, di conseguenza, tutelando anche la salute psicofisica delle persone.

Commenta