Approvato con un avanzo il bilancio di esercizio 2015 della Camera di Commercio di Cosenza. Dimostrazione dell’efficienza amministrativa dell’Ente · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Approvato con un avanzo il bilancio di esercizio 2015 della Camera di Commercio di Cosenza. Dimostrazione dell’efficienza amministrativa dell’Ente

klaus_algieri_presidente_cam_com_csCOSENZA – In un periodo difficile per l’economia, la Camera di Commercio di Cosenza approva il Bilancio di esercizio 2015 con un avanzo economico pari a 1.230.916 euro, che va a incrementare il patrimonio netto della stessa Camera di Commercio, consolidando e rafforzando la sua struttura patrimoniale.

Nonostante una significativa diminuzione dei proventi correnti rispetto all’esercizio precedente, per effetto dei provvedimenti governativi, che nel solo 2015 hanno ridotto l’importo del diritto annuale del 35% rispetto al 2014, il risultato positivo è determinato in modo significativo dalla realizzazione di ricavi straordinari dovuti al venir meno di consistenti passività iscritte negli anni passati.

Ma soprattutto alla realizzazione di iniziative di razionalizzazione delle spese, come la diminuzione dei costi di funzionamento, che sono andate ben oltre l’osservanza delle pur rigide norme di finanza pubblica per il contenimento e la riduzione delle spese, attuati senza tagliare i servizi erogati alle imprese provinciali che, invece, sono state sostenute con un vasto programma di contributi e incentivi finalizzati a rafforzare la loro competitività, motivandole a investire, innovare, internazionalizzarsi, oltre che a valorizzare le proprie risorse umane o a cogliere le opportunità offerte dall’Expo.

Per fare questo, nel 2015 la Camera ha attivato appositamente 10 bandi, per un ammontare totale di oltre 1,5 milioni di euro liquidati, assegnati a circa 500 imprese della provincia, oltre a partecipare a 5 importanti manifestazioni e sostenere altrettanti 5 interventi di promozione del territorio e della legalità. Tenendo sempre in prima linea anche l’attenzione e il sostegno alla formazione diretta alle imprese e alle professioni, insieme a un continuo processo di miglioramento dei servizi istituzionali e a molte attività info-formative organizzate all’interno della Camera e sul territorio.

“Come istituzione di rappresentanza delle imprese della provincia di Cosenza, il conseguimento di un risultato d’esercizio positivo – ha commentato il presidente della Camera, Klaus Algieri – ci consente di affrontare con maggiore tranquillità le difficili sfide che ci attendono nell’immediato futuro. Siamo in attesa di conoscere la riforma che il Governo nazionale varerà presto e che dovrebbe ridisegnare il ruolo e le competenze delle Camere di Commercio.

Sappiamo già che, nei prossimi due anni, l’importo del diritto annuale sarà ulteriormente ridotto fino a raggiungere una cifra pari al 50% di quella fissata nel 2014. In questo quadro denso di incertezze e tensioni il rafforzamento della solidità patrimoniale dell’Ente fa ben sperare perché, nonostante tutti i tagli finanziari, la sua operatività non sarà intaccata.

Continueremo a impegnarci per sostenere le nostre imprese e per favorire lo sviluppo economico del nostro territorio come e più di prima. Solo nell’ultimo anno abbiamo fatto partecipare ed entrare in Camera 10.000 imprese e già contiamo di raddoppiare questo numero. Sono queste le nostre buone abitudini, sono questi i risultati prodotti da un intenso e programmato lavoro d’insieme”.

Nell’ottica di una politica di trasparenza dei conti e di resoconto chiaro dell’attività gestionale dell’Ente, la Camera comunica in una nota ufficiale che la gestione dell’attività camerale relativa allo scorso anno, come riportato nella relazione sulla gestione, ha comportato proventi correnti, registrati alla data del 31 dicembre 2015, per un importo di 9.512.851 euro.

Aggiungendovi a questi i ricavi finanziari di 138.770 euro e quelli straordinari di 1.500.337 euro, si raggiunge la cifra totale di 11.151.958 euro. Gli oneri correnti, invece, ammontano a 9.696.389 euro che, integrati dai costi straordinari pari a 224.654 euro, raggiungono un totale di 9.921.043 euro.

Commenta