L’esperienza del Laboratorio di Rigenerazione Sociale ed Economica del Centro Storico di Rende nell’ambito dell’“Agenda Urbana Cosenza-Rende” · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

L’esperienza del Laboratorio di Rigenerazione Sociale ed Economica del Centro Storico di Rende nell’ambito dell’“Agenda Urbana Cosenza-Rende”

RENDE (COSENZA) – Il Laboratorio di Rigenerazione Sociale ed Economica del Centro Storico di Rende è una delle più importanti ed innovative attività che si stanno realizzando nel Centro Storico di Rende. Ha avuto inizio nel Maggio 2018 con gli incontri del Partenariato nell’ambito di Agenda Urbana mirati ad individuare le Azioni da effettuare nel Centro Storico di Rende.

Da allora un gruppo di associazioni e di cittadini che abitano o hanno a cuore il Centro Storico hanno deciso di riunirsi periodicamente e, con il supporto di tecnici specializzati e dell’Amministrazione Comunale, stanno lavorando per individuare le soluzioni migliori per attuare una rigenerazione sociale ed economica del Centro Storico di Rende a partire dalle opportunità dei fondi messi a disposizione dall’Agenda Urbana. Tali fondi prevedono soprattutto incentivi per la creazione di attività imprenditoriali di tipo culturale, innovativo, sociale e di servizio (ristorazione, strutture di accoglienza per il turismo) che dovranno essere integrate con le attività che già operano nell’ambito culturale sia pubbliche che private (Musei, Associazioni culturali ecc.) ma in particolare iniziative che prevedono il ripopolamento attraverso progetti integrati con l’Università della Calabria ed altre istituzioni culturali e religiose. A tal scopo sono previste azioni di ristrutturazione di beni comuni inutilizzati che saranno messe a disposizione da parte dell’Amministrazione Comunale per le attività progettate, inoltre sono state previste azioni mirate al miglioramento dei servizi di accesso (ristrutturazione parcheggi e scale mobili) e di illuminazione (nuova illuminazione pubblica con servizi di smart city). La finalità del Laboratorio è anche quella di rigenerare il tessuto sociale di una popolazione che si è sentita abbandonata negli scorsi anni rimotivandola grazie anche alla creazione di iniziative imprenditoriali come le Cooperative di Comunità che sono strumenti validi già sperimentate in altre realtà, per la gestione di beni comuni presenti nei centri storici.

Tale esperienza rappresenta solo uno dei progetti integrati che si stanno portando avanti nell’ambito di Agenda Urbana, un percorso politico e amministrativo effettuato nel corso del 2018 di concerto tra le amministrazioni delle città di Cosenza e Rende e il partenariato istituzionale, sociale ed economico che ha portato alla definizione del documento strategico dell’Agenda Urbana 2014-2010. In questo percorso ha svolto un ruolo di assistenza tecnica il Servizio Associato per lo Sviluppo Urbano Sostenibile (SASUS) un servizio istituito dai 16 Comuni dell’ex PIT n.8 presieduto dal Sindaco di Rende Marcello Manna che si occupa di fornire assistenza alla progettazione di programmi di sviluppo sostenibile agli Enti locali associati. La Strategia Urbana per l’Area Cosenza Rende 2014-2020 è stata approvata da entrambe le amministrazioni comunali e prevede, per la sua attuazione, la stipula dell’Accordo di programma con la Regione Calabria che avverrà nei prossimi giorni. Tale documento offre una visione di sviluppo sostenibile dell’Area Urbana e delinea i presupposti necessari per rendere possibile l’istituzione di una Città Unica ben integrata. Il documento che invito tutti quanti fossero interessati a scaricare e leggere sul sito www.comune.rende.cs.it/agenda-urbana-rende-cosenza prefigura interventi in un insieme ampio di politiche urbane: dalla riqualificazione alla rigenerazione sociale ed economica dei Centri Storici, dalla modernizzazione dei servizi urbani alla sperimentazione di nuovi servizi per l’inclusione sociale, dalla creazione di innovative filiere culturali alla strutturazione di un moderno ecosistema dell’innovazione attorno all’Università della Calabria.

Il documento, quindi, non è un semplice strumento per attingere ai fondi POR in maniera asettica e senza prospettive, ma indica, tenendo conto di tutti gli altri strumenti di programmazione attivi o in via di attivazione nelle due città, come meglio utilizzare tali risorse offrendo una visione integrata di sviluppo puntando maggiormente sulle risorse peculiari dell’Area Urbana per la costruzione di una nuova città unica dei servizi, della cultura, delle nuove economie.

Nei prossimi giorni saranno presentate tutte le iniziative previste dalla Strategia in una serie di incontri pubblici che saranno programmati a breve e nel corso dell’attuazione degli interventi che prevedono la partecipazione dei cittadini. La novità, infatti, di questa Agenda Urbana è che la partecipazione dei cittadini all’attuazione del programma sarà un elemento caratterizzante. Grazie a tale apporto l’Autorità Urbana dell’Agenda Urbana e la Regione Calabria avranno gli elementi utili per poter meglio calibrare i bandi rivolti verso le attività più adatte alle necessità dell’Area Urbana.

Tale tipo di esperienza si sta già attuando concretamente sul progetto integrato che riguarda il Centro Storico di Rende e pertanto sono invitati tutti i cittadini che hanno a cuore il futuro del Centro Storico e della nostra città ad aderire a questo percorso partecipativo chiedendo informazioni presso l’assessorato al Centro Storico del Comune di Rende o inviando la loro adesione tramite mail al seguente indirizzo serviziosasus@gmail.com

Commenta

loading...