“L’omofobia, un male da cancellare”: venerdì 1° marzo convegno all’Istituto superiore “Da Vinci-Nitti” · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

“L’omofobia, un male da cancellare”: venerdì 1° marzo convegno all’Istituto superiore “Da Vinci-Nitti”

COSENZA – Venerdì 1° marzo, in occasione della giornata contro la discriminazione, il Comune di Cosenza ha promosso un convegno dal titolo “L’omofobia, un male da cancellare”. L’appuntamento è per le ore 10,00 all’auditorium dell’Istituto Superiore “Da Vinci-Nitti” di Viale Mancini.

Interverranno, Matteo Grimaldi, autore del libro “La Famiglia X”, il dirigente scolastico dell’Istituto Da Vinci-Nitti, Giorgio Clarizio, il dirigente del settore educazione del comune di Cosenza, Mario Campanella e il segretario dell’Eos Arcigay, Silvio Cilento. Le conclusioni sono affidate all’assessore comunale alla Scuola e alle pari opportunità, Matilde Spadafora Lanzino.

Il settore Educazione del Comune ha voluto organizzare la manifestazione per ribadire con chiarezza il rifiuto ad ogni discriminazione sessuale o civile coinvolgendo direttamente gli adolescenti, con un dialogo che deve essere ogni giorno incentivato e supportato da testimonianze ed esperienze.

Sono troppe, ancora oggi, le persone vittime di soprusi e di violenza per il loro orientamento sessuale, con particolare riferimento agli adolescenti, che in molti casi subiscono angherie e atti di bullismo.

“Cosenza dice no all’omofobia- sottolineano l’Assessore Matilde Spadafora Lanzino e il dirigente del settore educazione Mario Campanella- e vuole significare il grande impegno di questi anni, del Sindaco Occhiuto, per una città vivibile, aperta, inclusiva e nemica delle stupide ghettizzazioni.

Il messaggio che vogliamo inviare alle nuove generazioni- hanno aggiunto l’assessore e il dirigente al ramo- è quello di un rifiuto netto dell’omofobia, del coraggio di denunciarne ogni suo perverso aspetto, della valorizzazione della cultura dell’amore che non ha dogane o barriere”.

Commenta