Cosenza, una camminata per promuovere la prevenzione cardiovascolare tra i giovani · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cosenza, una camminata per promuovere la prevenzione cardiovascolare tra i giovani

COSENZA – Anche la citta di Cosenza aderisce all’iniziativa “SI cammina per il cuore”, lanciata dal Club Soroptimist dell’Unione italiana. In diverse città, dal Nord al Sud, infatti, nella seconda settimana di aprile, i club soproptimisti locali organizzano una “camminata della salute” che coinvolge scuole, associazioni e cittadini. L’iniziativa rientra in una campagna di educazione agli stili di vita corretti per abbattere i fattori di rischio cardiovascolare, con particolare riguardo alle donne.

A Cosenza questo evento, realizzato con la collaborazione di molte associazioni femminili e di settore, si terrà il 12 aprile. La camminata prenderà il via alle 10. 30 del mattino, da Piazza XI settembre e si concluderà presso la sede dell’AVIS di Cosenza (V.le Trieste) dove sarà possibile effettuare consulenze cardiologiche a cura del personale del reparto di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza.

Durante tutta la mattinata, sia presso l’AVIS che presso uno stand appositamente allestito in Via Tagliamento (trav. piazza XI Settembre), ad opera dell’Ordine di Malta Corpo Italiano di Soccorso di Cosenza, in collaborazione con il personale specializzato dell’INRCA, saranno offerti una serie di servizi come la misurazione gratuita della pressione arteriosa e della glicemia e sarà distribuito specifico materiale informativo.

“La camminata rappresenta l’ultimo step del progetto ‘SI parla di cuore’ promosso dal Soroptimist Italia” dichiara Rosita Paradiso, Presidente del Club di Cosenza. “Il progetto ci ha viste impegnate in una campagna di formazione e informazione rivolta soprattutto alle donne ma, ciò che ci sta maggiormente a cuore è promuovere la prevenzione fra i giovani. È per questa ragione che, grazie al patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria, che ha apprezzato la valenza educativa del progetto sulla medicina di genere, abbiamo pensato di coinvolgere gli Istituti Scolastici Superiori della città”, conclude la Presidente.

Commenta