Vibo Valentia: sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte per oltre un milione di euro, denunciati 5 imprenditori · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Vibo Valentia: sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte per oltre un milione di euro, denunciati 5 imprenditori

guardia_di_finanza_gdf_1VIBO VALENTIA – I Finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, all’esito di una complessa attività di indagine delegata dalla locale Procura della Repubblica, hanno scoperto un caso di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, del quale si è reso responsabile un imprenditore locale, in concorso con altri quattro soggetti, amministratori di società compiacenti.

In particolare, le Fiamme Gialle vibonesi hanno accertato che il legale rappresentante di una società di trasporti, al fine di sottrarsi alla procedura di riscossione coattiva derivante da debiti contratti nei confronti dell’Erario per oltre un milione di euro, ha strategicamente simulato, in assenza di qualsivoglia logica imprenditoriale, la cessione di due rami della propria azienda ad alcune società al medesimo, direttamente o indirettamente, riconducibili.

Attraverso tale espediente, l’imprenditore, depauperando la ditta cedente della quasi totalità degli elementi attivi del proprio patrimonio (molteplici automezzi ed attrezzature), aveva reso vana la citata procedura di riscossione.
Al termine delle indagini, le Fiamme Gialle hanno deferito alla locale A.G., in concorso, cinque soggetti (rappresentanti legali e/o soci delle imprese coinvolte) per il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte.

La Guardia di Finanza, unico Corpo di polizia dotato di competenze specifiche in ambito tributario, è in grado di colpire, nella loro globalità ed in modo trasversale, tutti quei fenomeni illeciti capaci di ledere gravemente gli interessi erariali del Paese. Il tutto a salvaguardia del libero mercato e contro ogni forma di sleale concorrenza a scapito di quelle imprese rispettose delle regole e delle normative vigenti.

Commenta