Guccione: “La Finanza creativa di Occhiuto, i cittadini ne pagheranno le conseguenze” · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Guccione: “La Finanza creativa di Occhiuto, i cittadini ne pagheranno le conseguenze”

Print Friendly, PDF & Email

Carlo GuccioneCOSENZA – Operazione verità sulla stato delle finanze del Comune di Cosenza. Ci sono tre questioni da chiarire. In riferimento all’accertamento della esigibilità dei crediti del Comune di Cosenza verso terzi – che nel Bilancio precedente erano previsti per 139 milioni di euro – si procede ad un accantonamento di oltre 40 milioni di euro per arrivare a quota 99. Come emerge dalla relazione dei revisori dei conti, l’accantonamento non risulta congruo perché la non esigibilità dei crediti va oltre la cifra prevista dei 40 milioni di euro. È un dato da valutare con grande attenzione perché si rischia di non potere onorare gli impegni presi dall’amministrazione Occhiuto”.

É quanto ha affermato il consigliere comunale, Carlo Guccione, stamane durante l’assise civica.

“Altra questione da analizzare – ha detto Carlo Guccione – con attenzione è quella della alienazione dei beni materiali di proprietà del Comune. Con la manovra targata Occhiuto sono previsti in aumento da 2 milioni di euro a 4. Ma come si evince dal Giornale mastro dell’Ente (29/07/2016 capitoli 20-21) rispetto a una previsione di 2 milioni e 800mila euro, risulta che il totale riscosso si ferma a soli 140mila euro. La previsione in aumento è palesemente inattendibile. Si tratta di Finanza creativa in quota Occhiuto, tesa ad aumentare la capacità di spesa dell’amministrazione comunale, che si tramuterà in debiti fuori bilancio alla luce della impossibilità della copertura finanziaria”.

“Terza e ultima questione riguarda – ha aggiunto Carlo Guccione- l’anticipazione di cassa. Il commissario prefettizio aveva, con i poteri del Consiglio, approvato il bilancio precedente con una anticipazione di cassa di 21 milioni di euro. Oggi Occhiuto ne propone una di 51 milioni, in un quadro che manifesta una mancanza di liquidità per la scarsa capacità di riscossione dei tributi comunali. Ad esempio su 100 euro di tributi il Comune è in grado di raccoglierne solo 14. Questo evidenzia la crisi e la sofferenza dei conti del bilancio del Comune. C’è il rischio concreto che scattino misure del Governo nazionale e della Corte dei Conti per salvaguardare gli equilibri di Bilancio. A pagarne le conseguenze saranno i cittadini-contribuenti.
Ecco perché ho espresso il mio voto contrario, così come gli altri consiglieri della coalizione La Grande Cosenza, sulla manovra di Bilancio. E rispetto alle tre questioni precedenti, invierò una richiesta di chiarimento al presidente del Collegio dei revisori dei conti del Comune di Cosenza e, per conoscenza, alla Corte di conti”.

pubblicità

loading...