Abbandono dei beni privati nel Centro storico: l’Amministrazione comunale interviene con azioni di messa in sicurezza a danno dei proprietari. Avviata la bonifica del giardino Passalacqua · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Abbandono dei beni privati nel Centro storico: l’Amministrazione comunale interviene con azioni di messa in sicurezza a danno dei proprietari. Avviata la bonifica del giardino Passalacqua

COSENZA – Nel Centro storico proseguono le azioni dell’Amministrazione comunale in esecuzione alle ordinanze di messa in sicurezza a danno dei proprietari che lasciano abbandonati i loro beni.

Questa mattina, sotto il coordinamento dell’ispettore Tocci dell’Unità Operativa del Centro Storico della Polizia Municipale di Cosenza guidata da Giovanni De Rose, è stato dato avvio alla bonifica del Giardino Passalacqua.

“Prestissimo avvieremo un’azione molto forte – annuncia il sindaco Mario Occhiuto – che diventerà la più grande opera di recupero mai realizzata riferita ad immobili privati lasciati all’abbandono e al degrado da parte dei proprietari, e oggetto delle mie precedenti ordinanze. Gli immobili pubblici sono stati già tutti recuperati sotto la mia Amministrazione. Adesso saranno espropriati, subito messi in sicurezza e poi recuperati gli immobili a rischio crollo per destinarli a studenti e giovani coppie che ripopoleranno il centro storico, secondo l’accordo già stipulato con l’Unical. La previsione è che almeno altre tremila persone verranno ad abitare in questi bellissimi luoghi con la possibilità di spostarsi agevolmente con la Metro (in fase di costruzione) arrivando in meno di venti minuti al Campus Universitario. Nelle prossime settimane – aggiunge Occhiuto – avvieremo l’iter degli espropri e delle requisizioni degli immobili con una delibera di Giunta, poi eseguiremo la messa in sicurezza immediata e infine il progetto di valorizzazione, grazie anche ai fondi immobiliari che hanno già dato la disponibilità e che si sommano a quelli strutturali a disposizione”.

Commenta

loading...