Scienziati a confronto sulle interazioni fra calcolo ad alte prestazioni e ricerca sul cervello umano · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Scienziati a confronto sulle interazioni fra calcolo ad alte prestazioni e ricerca sul cervello umano

braincomp2015CETRARO (CS) – Sarà ancora una volta la suggestiva sede dell’Hotel S. Michele di Cetraro ad ospitare, dal 6 al  10 luglio prossimi, il convegno internazionale BrainComp2015 “Brain Inspired Computing”, senza  dubbio uno degli eventi più importanti a livello europeo nel campo  delle interazioni reciproche  fra  calcolo ad alte prestazioni e  ricerca sul cervello umano.

Al simposio, di cui è promotore Lucio Grandinetti, professore Emerito dell’Università della Calabria, è prevista  la  partecipazione  di  alcune  eccellenze  mondiali  in  settori  scientifici  e  tecnologici di altissimo interesse, in forte evoluzione e suscettibili  di straordinari  sviluppi futuri. Tra  queste, in particolare, Thomas Lippert, dell’Università  di  Wuppertal  e  del  Centro  di  Supercalcolo di Juelich in Germania, recentemente a capo – per  lungimiranza del governo tedesco –  della  coalizione  fra  i  principali  centri  di  supercalcolo  della  Germania,  Monaco  di  Baviera,  Stoccarda, Juelich.

Complessivamente questa realtà “federativa” rappresenta la bandiera europea  dell’eccellenza  tecnologica  per  lo  studio  e,  soprattutto,  per  le  applicazioni  avanzate  dell’elaborazione ad alte prestazioni, ponendo l’Europa in una  posizione di preminenza nel settore  rispetto ad analoghe iniziative di punta in Giappone e negli Stati Uniti.

Sarà anche presente Katrin Amunts, dell’Università di Dusseldorf e del Centro di Ricerca di Juelich  in Germania, neuroscienziata alla  guida  di una équipe di circa 100 neurologi, fisici, matematici,  ingegneri. La scienziata, non solo
è autrice della più dettagliata mappa 3-D del cervello umano  finora esistente, un risultato  che ha avuto di recente  notevole evidenza sulle principali testate e  agenzie di stampa internazionali, ma è una delle principali protagoniste del progetto decennale “Human Brain Research”, promosso alla fine del 2013 dalla Commi ssione Europea e finanziato   con un miliardo di euro.

Di notevole interesse è anche il Panel del convegno con interve nti di rappresentanti autorevolissimi  sia di famose università che di grandi aziende informatiche (ad es. IBM, INTEL, Hewlett Packard),  che proietterà la discussione sul l’era dell’acquisizione di  nuove conoscenze  riguardanti la struttura  e le funzionalità alte del cervello umano e sulle ricadute  ad  ampio spettro che si prevede possano  “sconvolgere” il mondo nei prossimi decenni, in particolare quelle sulle applicazioni tecnologiche avanzate (robot, computer neuromorfi) e quelle con verosimili conseguenze di grande portata anche sul sociale.
Dettagli  sul  programma tecnico della manifestazione si trovano sul sito web  www.hpcc.unical.it/braincomp2015

Commenta