Blowing on Soul Gospel Meeting 2015, chiusura col botto al Morelli, 50 coristi e i big del genere · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Blowing on Soul Gospel Meeting 2015, chiusura col botto al Morelli, 50 coristi e i big del genere

blowing_on_soul_gospel2015_concerto_finale_morelli_1COSENZA – Gran finale per il Blowing on Soul Gospel Meeting 2015 ieri sera al Teatro Morelli di Cosenza. Partiamo dalla fine: “Oh Happy Day” ha coinvolto e salutato il pubblico delle grandi occasioni in quella che è stata la tappa finale dell’incontro formativo sulle sonorità sacre afroamericane che ha animato dal 3 al 6 dicembre l’area urbana cosentina.

Sul palco oltre 50 coristi, tra amatori e professionisti, motivati dal ritmo incessante della band (composta da Luigi Genise, Roberto Risorto, Alessio Iorio, Lorenzo Iorio, Maurizio Mirabelli e Antonio Staropoli) e diretti dai big che hanno allestito lo spettacolo in soli tre giorni.

Jared White, Stefano Baroni, Angie Cleveland e Elisa Brown hanno realizzato un piccolo miracolo di Natale, con la produzione di questo concerto Gospel. La carrellata di canzoni ispirate ha reso ancora più magico questo momento, aprendo di fatto al periodo delle festività.

Un’ora e mezza di spettacolo ha attraversato la musica sacra d’oltreoceano presentando al pubblico tre brani inediti: due composti da Jared White, “Alleluja” e “I’m you Father” e uno da Elisa Brown e Alessio Iorio, “Give me some peace”.

blowing_on_soul_gospel2015_concerto_finale_morelli_2Di particolare espressività la “Body percussion” di Stefano Baroni, le performance al piano di Angie Cleveland e i soli di Jared White e Elisa Brown. Un mix dirompente che ha unito un ritmo inaspettato alla cadenza tipica del gospel. Il risultato è stato un’esplosione di contenuti, tenuti magnificamente insieme dalle armonie suggerite dall’amore divino. White cristallizza bene l’aria che si è respirata ieri sera in un passaggio di un suo brano: “Se ti capita di non sentirti amata, pensa che Dio ti ama… sempre”. Positività, dunque, sempre e comunque.

Consensi e approvazione per questa terza edizione, organizzata dall’associazione “Blowing On Soul” in collaborazione con GTM Ministries e Galimi Art Session. Madrina della serata Elisa Brown, che ha firmato la direzione artistica e ha presentato lo spettacolo organizzato a livello europeo da Monica Bernassola.

Ringraziamenti alle amministrazioni comunali di Cosenza e Rende per aver patrocinato l’evento, mettendo a disposizione il Teatro Morelli e il Museo del Presente. In sala era presente l’assessore alla Cultura di Rende, Vittorio Toscano. Riconoscenza a Enzo Naccarato, che si è prodigato per la perfetta organizzazione dei workshop a Rende.

Un pensiero speciale è andato, invece, ai ragazzi dell’Unitalsi, in prima fila per godersi lo spettacolo.

Sempre sulla strada della solidarietà, ai big intervenuti sono state donate le palline di Natale dell’Abio, l’associazione di volontari che aiutano i bambini a superare l’impatto con l’ospedale attraverso il gioco, l’ascolto e il sorriso.

Gli organizzatori annunciano che è già in preparazione la quarta edizione del Blowing on Soul Gospel Meeting, senza sbilanciarsi però. Sarà una sorpresa per tutti.

Commenta

loading...