Cosenza, venerdì 29 presentazione del volume “San Francesco di Paola: il lavoro, la grazia, la visione. Un giallo storico” · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cosenza, venerdì 29 presentazione del volume “San Francesco di Paola: il lavoro, la grazia, la visione. Un giallo storico”

COSENZA – Venerdì 29 Marzo, ore 17.00 presso la sede della Confindustria di Cosenza (Via Tocci, 2) si indagherà un nuovo aspetto della figura del Santo calabrese per eccellenza. Ultima novità della casa ilfilorosso, “San Francesco di Paola: il lavoro, la grazia, la visione. Un giallo storico” del professor Giuseppe Leonetti, parla del Santo da un punto di vista inedito.

A dialogare con l’autore ci saranno Giovanna Baratta, direttore della collana Marana tha, di cui il testo fa parte e Don Dario De Paola, biblista. Sarà presente l’autore.

“San Francesco viene definito in questo testo un santo sociale – dice Don Dario De Paola nella prefazione al volume – un santo che riesce ad armonizzare la vita dello spirito e l’impegno per l’uguaglianza e la solidarietà. Un esempio è la costruzione del convento di Paola che divenne una “impresa sociale di altissimo significato spirituale e politico. Poveri, ricchi, plebei e nobili lavoravano fianco a fianco”, dando vita ad un modello rivoluzionario di “città santa” in cui tutti fanno tutto. Attraverso la fatica condivisa del lavoro, le classi sociali si azzerarono rovesciando una concezione feudale della società.

Giuseppe Leonetti, studioso del Santo di Paola, non è alla sua prima prova. Ha pubblicato nel 2016, sempre per i tipi de ilfilorosso, Le Lettere di San Francesco di Paola e il quadro del Santo a Montalto Uffugo.

L’autore è di Montalto Uffugo ed è docente ordinario di italiano, latino e greco nel Liceo Classico Statale “Gioacchino da Fiore” di Rende. Le sue ricerche spaziano dalla letteratura classica alla letteratura italiana con una predilezione per le analisi di taglio semiologico ed antropologico. Collabora con varie associazioni culturali fra cui l’Accademia  montaltina degli Inculti per la quale ha tenuto numerosi seminari e conferenze  pubblicando vari studi sulla filosofia, la teologia e la scienza nel seicento.

Commenta