Cosenza, il live set di Indian Wells nella serata d’esordio del Festival delle Invasioni 2019. E il giorno dopo Maria Antonietta e Giovanni Truppi · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cosenza, il live set di Indian Wells nella serata d’esordio del Festival delle Invasioni 2019. E il giorno dopo Maria Antonietta e Giovanni Truppi

COSENZA – La settimana del Festival delle Invasioni 2019 dedicata ai beni suonati quest’anno parte, come già annunciato, martedì 16 luglio in piazza XV Marzo con il concerto inedito di un trio che si forma esclusivamente per il festival di Cosenza, ovvero Daniele Silvestri, Peppe Voltarelli e Diodato.

Nella stessa sera, il 16 luglio, nell’adiacente villa vecchia in programma anche Indian Wells live set, artista internazionale di origini cosentine che ritorna a casa inaugurando la prima giornata con sonorità ideate tra Londra, New York e i monti del Pollino. Pietro Iannuzzi, in arte Indian Wells, è producer italiano accostato a suoni poco nostrani come quelli di Actress, The Field, Shlohmo e Four Tet. Basti ricordare che dopo aver remixato l’austrialiano Kyson per Moodgadget, Heathered Pearls su Ghostly International e ri-creato Holocene per Bon Iver, nel 2012 ha sfornato il suo album d’esordio “Night Drops”.

Mercoledì 17 luglio, ancora nello spazio della villa, area due del festival, è la volta di altri due live d’eccezione e d’autore. Entrambi rivelazioni dell’anno nella scena cantautorale e presenti nei più importanti cartelloni di quest’anno.

Saliranno sul palco alle 21 Maria Antonietta e alle 23 Giovanni Truppi live dj set. Nel mezzo, alle 22, Izi in concerto con Nayt in piazza XV Marzo (area uno).

Maria Antonietta, nome d’arte di Letizia Cesarini, classe ’87, lo scorso marzo ha pubblicato per Rizzoli il suo primo libro “Sette ragazze imperdonabili”. La sua scrittura è un’ode alla femminilità, quella complessa e mai banale, di chi rivendica la propria libertà, l’emancipazione, la creatività.

Giovanni Truppi, nato a Napoli nell’81, ha pubblicato quattro dischi ed è stato candidato ai nastri d’argento 2018 per la migliore canzone originale per “Amori che non sanno stare al mondo”, composta per l’omonimo film di Francesca Comencini (Fandango 2017). Alcune sue canzoni, inoltre, sono state colonna sonora delle strisce di Makkox nella trasmissione televisiva “Gazebo”.

Il Festival delle Invasioni è evento storicizzato e cofinanziato dalla Regione Calabria a valere sui fondi PAC annualità 2019.

Commenta