Venerdì 20 settembre al Rendano la seconda edizione di TEDxCosenza · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Venerdì 20 settembre al Rendano la seconda edizione di TEDxCosenza

COSENZA – Nella realtà dei nostri giorni, in un continuo divenire favorito dalla diffusione sempre più capillare delle nuove tecnologie e dei nuovi strumenti di comunicazione, è importante guardare al futuro in maniera diversa e da nuove prospettive alle quali non si era forse mai pensato prima.

Questo nuovo punto di vista appartiene alla filosofia di “Tedx”, il programma di eventi locali autoorganizzati dalla omonima organizzazione non profit (TED) con radici americane, nel West Coast del Nord America, dove nel 1984 si tenne la prima conference ufficiale e dove ogni anno, da allora, si ripete la Conferenza annuale durante la quale alcune personalità del mondo delle professioni o dell’imprenditoria (gli speaker) raccontano idee ed intuizioni di successo durante interventi che non possono durare più di 18 minuti.

Il format ha conosciuto negli ultimi anni anche delle ramificazioni in Italia e nel 2017 è approdato per la prima volta a Cosenza. Quest’anno la seconda edizione, patrocinata dal Comune di Cosenza, si terrà venerdì 20 settembre nella prestigiosa cornice del Teatro “Rendano” con inizio alle ore 17,00. L’evento cosentino di TED è stato presentato questa mattina, nella sala capitolare del Chiostro di San Domenico, dal team degli organizzatori e dall’Assessore di Palazzo dei Bruzi Michelangelo Spataro.

L’edizione di quest’anno conserva lo stesso spirito del passato e la stessa volontà di presentare realtà locali e non, meritevoli di essere diffuse e condivise, orientate alla valorizzazione di idee nuove e intraprendenti che siano soprattutto legate ai giovani, contribuendo allo sviluppo locale di un contesto spesso ingiustamente sottovalutato.
“La nostra regione – ha detto in conferenza stampa l’Assessore Michelangelo Spataro – ha bisogno di eccellenze. Ce ne sono tante, ma tante altre sono fuori dal nostro territorio. Il nostro auspicio – ha aggiunto Spataro – è che anche il nuovo governo regionale possa guardare con maggiore fiducia ai giovani, affinché possano restare nella loro terra e mettere a disposizione dei cittadini calabresi e non solo, quelle esperienze per le quali in Italia e anche all’estero, in Europa, ma anche oltreoceano, veniamo apprezzati per le capacità di cui disponiamo”.

Dopo la prima edizione del 2017, incentrata sul tema della fuga dei cervelli (Brain Drain) TEDxCosenza ha scelto per l’edizione 2019 il tema “Out of Focus”. A spiegarlo in conferenza stampa è stata la dottoressa Chiara Allevato, organizzatrice dell’evento. “Con il tema Out of Focus – ha detto Allevato – abbiamo voluto concentrarci e, appunto, mettere a fuoco alcuni aspetti che ci sono più vicini. E’ molto importante – ha aggiunto -che eventi di questo tipo vengano organizzati in Calabria perché il Ted, per la sua struttura e il suo format, fa sì che possano essere organizzati degli eventi, con gli stessi standard previsti dalle conferenze americane, in altre città. Il focus più importante di questo genere di eventi è proprio la presentazione delle idee. Abbiamo voluto concentrarci sulle eccellenze di Cosenza e della Calabria. Siamo riusciti ad ottenere di organizzare il Ted a Cosenza soprattutto grazie al fermento culturale e urbanistico che si è generato negli ultimi anni, anche e soprattutto grazie al lavoro del Sindaco Occhiuto che ha permesso alla città di Cosenza di essere riconosciuta anche a livello internazionale. Ad oggi Cosenza è la città più grande della Calabria ad aver organizzato il Ted”. Ad illustrare le figure di eccellenza (gli speaker) che si avvicenderanno venerdì 20 settembre sul palco del “Rendano” per presentare le idee che fungeranno da apripista per costruire un ampio tema di riflessione è stata, durante l’incontro con i giornalisti, la curatrice dell’evento, dottoressa Anna Perugini.

“I nostri 8 speaker – ha precisato Anna Perugini – sono stati scelti in funzione del tema di quest’anno, Out of focus, che è un nuovo modo di guardare il mondo. Abbiamo bisogno di modificare i nostri paradigmi facendo tesoro della nostra storia e della nostra memoria, confrontandole con tutti gli stimoli che ci arrivano dall’esterno, con la globalizzazione e con i contatti con altre etnie e popolazioni, e che tengono conto dei tempi che cambiano”.

Gli speaker di TedxCosenza saranno: Roberto Galdini, ingegnere informatico e Vice Presidente di NTT Data, (multinazionale giapponese nell’ambito della Consulenza e dei Servizi IT, con sede anche a Cosenza), Ivan Miccolis, imprenditore nel settore della ricettività alberghiera e fondatore della società “Help Accomodation”, specializzata nell’offerta di alloggi di qualità a studenti e professionisti, sia in Spagna, dove vive, che in Italia, il giornalista e scrittore Davide Giacalone , presidente dal 2010 dell’Agenzia per la diffusione delle tecnologie dell’innovazione (che dipende direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri), l’astrofisica Sandra Savaglio che fa parte del comitato scientifico del planetario di Cosenza; la giornalista e antropologa Genevieve Makaping, molto conosciuta in città anche per aver diretto un quotidiano e per essere stata un volto noto della televisione cosentina, lo studente di economia Emilio Bisignano, il life coach Francesco Renzelli e lo startupper Dario Megna.

La conferenza stampa è stata, infine, conclusa dall’intervento della dottoressa Elvira Scarnati, communication manager dell’evento TedxCosenza.

“Nella prima edizione – ha detto Scarnati -il Ted era considerato ancora un evento di nicchia nel senso che ancora al Sud non molti conoscevano il format. Quest’anno, invece, abbiamo visto che c’è più consapevolezza dell’evento ed anche la tematica particolare evoca maggiore curiosità. L’auspicio è che ci sia molta interazione, che il pubblico sia attento, brioso e motivato a partecipare. Crediamo che siano eventi da riproporre e che possano dare tanto alla cittadinanza, attraverso una partecipazione molto ampia, anche virtualmente, utilizzando il web, i social e guardando le nostre dirette anche in streaming”.

Commenta