Viaggio nella Calabria antica con la guida archeologica di Fabrizio Mollo. Il 20 settembre la presentazione al Museo dei Brettii e degli Enotri · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Viaggio nella Calabria antica con la guida archeologica di Fabrizio Mollo. Il 20 settembre la presentazione al Museo dei Brettii e degli Enotri

Complesso Monumentale S.Agostino - Museo dei Brettii e degli EnotriCOSENZA – Il Museo dei Brettii e degli Enotri ospita la presentazione della ‘Guida archeologica della Calabria antica’ di Fabrizio Mollo, edita da Rubbettino.

L’appuntamento è giovedì 20 settembre, alle ore 18. Dopo i saluti del Sindaco Mario Occhiuto, intervengono l’Assessore alla Cultura della Regione Calabria, Maria Francesca Corigliano; il Direttore del Museo dei Brettii e degli Enotri, Marilena Cerzoso; la docente di Archeologia classica e Didattica del Parco e del Museo all’Università della Calabria, Stefania Mancuso.

Il volume traccia la storia della presenza umana in Calabria a partire dalle fasi pre e protostoriche, sino all’arrivo dei Greci e al loro incontrarsi con gli indigeni, gli enotri, e poi in epoca ellenistica la discesa delle popolazioni italiche dei lucani e dei brettii e infine la presenza dei romani sino alla fase tardoantica e all’altomedioevo. Nella prima parte, utilizzando le fonti letterarie e soprattutto la documentazione archeologica, sono narrate le vicende storiche della regione, non prescindendo da un suo quadro ambientale e geografico. La seconda parte illustra, in tredici itinerari, i principali contesti archeologici della regione, le poleis, i centri romani e indigeni, ma anche le chorai, i territori, cercando di delinearne la storia e le principali vicende, la forma urbana, le strutture pubbliche e quelle private, i luoghi di culto, le aree funerarie, le forme di occupazione del territorio attraverso differenti tipologie di insediamenti, i principali contesti di materiali. Essi, inoltre, offrono una descrizione, puntuale e aggiornata, anche di tutte le aree visitabili, i parchi archeologici, i siti e i principali monumenti, ma anche dei relativi musei, con la presentazione delle collezioni e dei reperti di maggior pregio e interesse.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità