Villapiana (Cs), Slow Food, ripartire dall’identità e dai prodotti dei territori · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Villapiana (Cs), Slow Food, ripartire dall’identità e dai prodotti dei territori

Print Friendly

slow_food_civitaVILLAPIANA (CS) – “RIPARTIRE DALL’IDENTITÀ E DAI PRODOTTI DEI TERRITORI”. È, questo, il tema dalla terza tappa 2015 del forum itinerante promossa dal Convivium Slow Food Pollino – Sibaritide – Arberia/versante ionico cosentino. Dopo le assemblee tenute a Cariati e Civita la prossima destinazione degli ossessionati dal cibo sarà Villapiana. Il forum sarà ospitato a palazzo GENTILE domenica 12 APRILE, alle ORE 17.30.

Questo nuovo momento di approfondimento e di confronto, al quale prenderanno parte I sindaci dell’alto jonio e diversi rappresentanti di aziende e produttori della Sibaritide, è promosso con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Villapiana, guidata dal sindaco Paolo MONTALTI. L’evento, per i soci ed i simpatizzanti di Slow Food, rappresenterà ancora una volta il momento conclusivo di un’intera giornata dedicata alla scoperta della città e del suo patrimonio identitario, enogastronomico e storico-culturale.

Il programma generale partirà, alle Ore 10, con la visita di alcune eccellenze produttive locali: MAGISA – IL RISO DI SIBARI e l’azienda AGRICOLA FRANZESE (Pomodorino Datterino Idroponico). Alle Ore 12.30 la Condotta Slow Food terrà a Villapiana la sua terza assemblea sociale e pubblica presso il laboratorio artigianale “Cuore di Pasta” che a seguire ospiterà, attraverso la proposta di uno speciale menù identitario, il pranzo sociale aperto anche ai non iscritti (previa prenotazione). Alle Ore 16, prima del Forum con i sindaci e le aziende del territorio, è prevista la visita guidata nel centro storico di Villapiana, promossa dall’assessore al turismo Stefania CELESTE, insieme alla professoressa Rosalina MOTTA (Delegata Cultura) – e al professore Luigi MAZZEI.

pubblicità

loading...