Viadotto crollato, lunedì i rilievi ma resta sotto sequestro · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Viadotto crollato, lunedì i rilievi ma resta sotto sequestro

Print Friendly, PDF & Email

viadotto_italia_crollo_1CASTROVILLARI (CS) – Inizieranno domani i rilievi tecnici per verificare la staticità del viadotto Italia dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, chiuso dal 2 marzo scorso dopo il crollo di una campata chiusa al traffico in cui ha perso la vita un operaio.

La Procura della Repubblica di Castrovillari, con il pieno, totale e incondizionato assenso del procuratore generale di Catanzaro Raffaele Mazzotta, che supporta l’attività dei magistrati castrovillaresi, ha infatti dato l’autorizzazione ai tecnici di compiere le verifiche del caso sul pilone rimasto danneggiato dal crollo e sulla campata residua.

Il viadotto resta comunque sotto sequestro. A comunicarlo è stato il procuratore generale Mazzotta. La decisione, diretta all’accelerazione degli interventi finalizzati all’eventuale dissequestro e quindi all’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza impressa dal procuratore generale e dai pm di Castrovillari , è stata presa dopo che la società Italsarc, in nome e per conto dell’Anas quale general contractor dell’opera, ha depositato, su richiesta della Procura, un elaborato tecnico prospettante gli interventi necessari per la verifica di staticità.

Elaborato che è stato integrato alla luce delle richieste dei consulenti della Procura che hanno poi concordato gli interventi e condiviso il lavoro.

I controlli sulla staticità saranno svolti dai tecnici Italsarc alla presenza della polizia giudiziaria – la polizia stradale di Frascineto e Lagonegro che toglierà i sigilli la mattina per apporli nuovamente la sera – del responsabile del procedimento ing. Ruocco e dei consulenti della Procura.

A conclusione delle verifiche, la cui durata è fissata in 19 giorni, l’Italsarc presenterà una relazione sugli esiti dei controlli fatti in contraddittorio sul posto con i consulenti dei pm. Se questi saranno stati positivi la Procura potrà decidere di dissequestrare il viadotto per consentire l’inizio dei lavori di messa in sicurezza dell’opera in vista di una successiva riapertura.

Il procuratore generale Mazzotta ha spiegato che “pur nella piena consapevolezza dei gravi disagi e dei problemi causati dalla chiusura della A3 nel tratto tra Laino Borgo e Mormanno, il che spiega l’accelerazione dell’effettuazione degli interventi tecnici autorizzati, la priorità mia e dei pm di Castrovillari Simona Rizzo e Simona Manera, è e rimane quella di garantire l’incolumità pubblica”.

(ANSA)

pubblicità

loading...