Maltempo: dichiarato stato calamità zone agricole Ionio cosentino · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Maltempo: dichiarato stato calamità zone agricole Ionio cosentino

alluvione-calabria_agricolturaIl Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf) “ha ufficialmente dichiarato l’esistenza del carattere di eccezionalita’ degli eventi calamitosi verificatisi nella provincia di Cosenza tra l’11 ed il 12 agosto scorsi”.

Lo rende noto l’ufficio stampa della Giunta regionale della Calabria. “In particolare, – e’ scritto in una nota – il Mipaaf, dopo aver dato atto alla Regione Calabria e al Dipartimento all’Agricoltura di aver effettuato i necessari accertamenti, ha accolto la proposta di attivazione degli interventi compensativi del Fondo di Solidarieta’ Nazionale nelle aree colpite dalle piogge alluvionali che hanno causato ingenti danni anche alle strutture aziendali, alle infrastrutture pubbliche connesse all’attivita’ agricola ed alle scorte eventualmente compromesse o distrutte.

Il provvedimento – si fa rilevare – riguarda i territori dei comuni di Corigliano Calabro, Crosia, Rossano, San Cosmo Albanese, San Giorgio Albanese, Vaccarizzo Albanese.

Territori nei quali si potranno applicare le specifiche misure di intervento previsto dal Decreto Legislativo 29 Marzo 2004 n. 102, nel testo modificato dal Decreto Legislativo 18 Aprile 2008 n.82. Si tratta dell’ennesima azione – prosegue il comunicato stampa – messa in campo dal Dipartimento Agricoltura che, su chiara indicazione del Presidente Oliverio, gia’ all’indomani delle violente piogge alluvionali dello scorso mese di agosto, si e’ adoperato per sostenere i territori e le popolazioni colpite. Inoltre, a valere sul PSR Calabria 2007/2013, sono stati messi a disposizione dei comprensori alluvionati ben quattro milioni di euro per il ripristino dei danni e la prevenzione dei rischi”.

(AGI)

Commenta