Mendicino, il 6 maggio apertura mostra a Palazzo Campagna · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Mendicino, il 6 maggio apertura mostra a Palazzo Campagna

MENDICINO (COSENZA) – Si svolgerà sabato 6 maggio alle ore 18 a Palazzo Campagna, nel centro storico di Mendicino, l’inaugurazione della mostra permanente con le opere realizzate durante il laboratorio tenuto a Radicamenti – Festa della Seta nel settembre 2016 in collaborazione con il Festival del Fumetto “Le Strade del Paesaggio” curato da fumettista Giulio Rincione. Le opere sono state realizzate durante il laboratorio da Cristina D’Alberto, Daniele Cellini, Elena Artese, Francesca Caio Greco, Franciele Morrone, Giuseppe Lo Prete, Ivan Pezzullo, Luigi Greco, Maria Chiara Buccieri, Martina Le Fosse, Mirko Cozza, Pamela Cozza, Gaia Landri.

«Il laboratorio è stata una delle innovazioni culturali del festival culturale organizzato dall’Amministrazione comunale di Mendicino, con la contaminazione di diverse esperienze artistiche all’interno del borgo storico. La nostra amministrazione rivolge particolare attenzione alla promozione culturale – dichiara il sindaco di Mendicino Antonio Palermo – convinti che solo la cultura può incidere sulla rigenerazione del tessuto sociale ed economico dei nostri centri storici. La residenza artistica di Giulio Rincione durante l’edizione 2016 di Radicamenti e il laboratorio realizzato in collaborazione con gli organizzatori del Festival del Fumetto sono tasselli fondamentali di questo processo. L’entusiasmo dei partecipanti al laboratorio, la curiosità e l’interazione dei cittadini con l’artista e con gli ospiti ci confermano che la strada che abbiamo intrapreso è quella giusta. Con l’apertura della mostra – continua Palermo – facciamo un altro significativo passo in avanti nel nostro percorso di arricchimento culturale della nostra città, che da oggi ospiterà all’interno del bellissimo Palazzo Campagna oltre all’opera di Rincione i lavori dei tredici artisti che hanno partecipato al laboratorio con l’artista. Con questo progetto siamo riusciti ad andare oltre l’evento, apportando il patrimonio artistico mendicinese.»

«Non conoscevo Mendicino – afferma Giulio Rincione, mi sono innamorato del luogo, della sua storia. È stata un’esperienza particolare, qualcosa di nuovo e impegnativo. Volevo realizzare un’opera partendo dallo schema che avevo in mente e che poi ho abbandonato lasciandomi rapire dalle suggestioni del posto. L’opera che ho realizzato si divide in tre parti. La parte inferiore l’ho fatta per me, ho fissato luoghi del centro storico che mi hanno colpito. L’altra parte è il Duomo di Mendicino, nell’ultima- quella superiore- ho realizzato la Torre dell’orologio perché è il luogo attorno a cui ruota la vita sociale. Ho poi sintetizzato un telaio evanescente che fa da sfondo all’ opera, e fili di seta che incorniciano il disegno».

biografia Giulio Rincione
Giulio Rincione, in arte Batawp è un fumettista ed illustratore palermitano. Esordisce nel 2012 con il suo primo fumetto “C” pubblicato su “Verticalismi”. Ha collaborato come colorista con Lelio Bonaccorso e Marco Rizzo su “Jan Karski, l’uomo che scoprì l’olocausto” per Rizzoli Lizard, e per piccoli editori Americani. Dal 2013 è fondatore, insieme a Francesco Chiappara e Lucio Passalacqua, del “Pee Show”, un collettivo artistico indipendente per il quale realizza “Storielline” (2013), un trittico di storie brevi. Dal 2014 inizia la sua collaborazione con Shockdom, disegnando il primo volume di Noumeno, scritto da Lucio Staiano e Gianluca Caputo. La collaborazione con Shockdom si estende a tutto il collettivo “Pee Show” nel 2015, e realizza il volume “Paranoiæ” sia per ciò che riguarda i testi, che i disegni. Sempre per Shockdom disegna il secondo volume di Noumeno, scritto ancora una volta da Lucio Staiano.

Commenta

loading...