Assunzioni in Ospedale: interviene il Consigliere comunale Nigro · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Assunzioni in Ospedale: interviene il Consigliere comunale Nigro

annunziata_ospedaleCOSENZA – “Non vorremmo che le nuove assunzioni che riguarderanno l’Ospedale dell’Annunziata di Cosenza, si traducessero, dopo il tanto sospirato sblocco del turn over, in un vero e proprio scippo ai danni della classe medica ed infermieristica cosentina, composta prevalentemente da precari che da tempo immemorabile attendono quella stabilizzazione, rimasta finora un miraggio o una legittima aspirazione senza seguito”.
Esprime forte preoccupazione in questa dichiarazione il consigliere comunale Claudio Nigro circa le modalità che si starebbero per adottare per reclutare medici e personale infermieristico all’Ospedale dell’Annunziata dopo il Decreto del Commissario alla sanità calabrese Scura.
“La nostra non vuole essere la solita battaglia di campanile – ha precisato Nigro – ma, se le notizie trapelate sulla stampa rispondono al vero, ci troveremmo di fronte ad una vera e propria assurdità. Come si può, infatti pensare, di fronteggiare l’emergenza sanitaria in cui versa l’Ospedale di Cosenza avvalendosi, in luogo della stabilizzazione dei precari presenti sul territorio, dell’apporto di medici o personale infermieristico provenienti da Catanzaro o Crotone che, pur avendo partecipato a procedure concorsuali, non sono risultati vincitori? Senza contare, a quest’ultimo proposito, che in un futuro neanche troppo lontano, azionando il meccanismo dei trasferimenti, costoro potrebbero tornare nella sede di provenienza e lasciare ancora una volta sguarniti i posti del nosocomio cosentino.
Mi auguro – conclude Nigro – che prevalga il buon senso e che si possano studiare delle modalità e dei criteri diversi che aiutino i processi di stabilizzazione dei precari cosentini, da troppo tempo in attesa e presi in giro da chi, senza scrupoli, ha gestito e continua a gestire la sanità calabrese”.

Commenta

loading...