Cosenza, ricusato la lista “Cosenza Popolare”, espressione dell’Ncd e “Hettaruzzo Hebdo” che sosteneva la candidatura a sindaco di Iaconazzi · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Cosenza, ricusato la lista “Cosenza Popolare”, espressione dell’Ncd e “Hettaruzzo Hebdo” che sosteneva la candidatura a sindaco di Iaconazzi

seggi elettoraliCOSENZA – La commissione elettorale comunale di Cosenza ha ricusato la lista “Cosenza Popolare”, espressione del Nuovo Centrodestra, che appoggia la candidatura a sindaco di Enzo Paolini del Pse.

La decisione, già nell’aria da ieri, è stata notificata ai responsabili della lista che stanno valutando di presentare ricorso per il quale hanno tempo 3 giorni. L’esclusione è stata motivata col fatto che agli aspiranti consiglieri comunali è stato fatto firmare l’atto di accettazione della candidatura su moduli del 2011 che non contemplano le prescrizioni della legge Severino in materia di incandidabilità. Ricusata anche la lista “Hettaruzzo Hebdo” che sosteneva la candidatura a sindaco di Vincenzo Iaconazzi.

E’ stata ammessa, invece, la lista “Orgoglio Brutio” che sostiene la candidatura di Carlo Guccione, del Pd.

La segreteria regionale della Calabria di Ncd ha poi diffuso una nota in cui afferma che “occorre chiarire che si tratta di una decisione provvisoria che è precedente alla nostra istanza alla commissione elettorale di integrazione del corredo documentale. In relazione a detto provvedimento, infatti – prosegue la nota – è stata proposta un’istanza di integrazione alla luce delle gravi responsabilità certamente a noi non riconducibili. Allo stato si è fiduciosamente in attesa di detto ‘riesame’ da parte della commissione stessa stante le gravissime conseguenze che pregiudicherebbero ingiustamente una lista che si vedrebbe illegittimamente ed arbitrariamente preclusa a partecipare all’imminente appuntamento elettorale”.

Commenta