Comune di Rende: riapertura dei termini di iscrizione asilo nido comunale Peter Pan · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Comune di Rende: riapertura dei termini di iscrizione asilo nido comunale Peter Pan

rende_asilo_nido_comunale_peter_panRENDE (CS) – In riferimento al bando di ammissione al Nido comunale “Peter Pan”, pubblicato in data 19 giugno 2015 n. 24647, poichè non è stato coperto il numero di posti disponibili, viene riaperto il termine di presentazione delle domande, con scadenza alle ore 12.00 del 20 luglio 2015. Restano confermati criteri e modalità stabiliti già nel citato bando.

Il Nido d’infanzia Comunale “Peter Pan”, sito in Via Londra località Quattromiglia, funzionerà 6 giorni la settimana dal lunedì al sabato, per 11 mesi l’anno da settembre a luglio, con un orario di apertura nella fascia antimeridiana 8:00 – 14:00 e pomeridiana 14:00 – 16:00.

In fase iniziale il servizio sarà rivolto a 33 bambini di cui 6 rientranti nella fascia di età 3/12 mesi, 7 nella fascia 13/24 mesi e 20 nella fascia 24/36.

Il numero potrà essere ampliato fino a raggiungere 40 bambini. Possono essere iscritti al nido d’infanzia i bambini di età compresa tra i tre mesi (compiuti entro il 1° settembre 2015) ed i tre anni, escluso i bambini che compiranno i tre anni di età entro il 30 aprile 2016 (così come deliberato dalla Circolare ministeriale 51 del 18.12.2014). Sono ammessi al nido d’infanzia i bambini residenti nel Comune di Rende e, nel caso di disponibilità di posti, possono essere ammessi bambini residenti nei Comuni limitrofi.

L’Amministrazione ha ritenuto utile modulare le rette mensili sulla base di un sistema tariffario determinato dalla dichiarazione ISEE ed orientato ad una sempre maggiore equità e progressività, con un’attenzione ovviamente particolare ai nuclei numerosi ed alle famiglie in difficoltà. Sono inoltre previste rimodulazioni tariffarie per sopraggiunti problemi lavorativi nel corso dell’anno educativo, considerando le seguenti situazioni: perdita del lavoro per cessazione o ridimensionamento dell’attività; mobilità; cassa integrazione ordinaria e straordinaria; riduzioni di ore lavorative di soci lavoratori di cooperative; mancato rinnovo di contratti a tempo determinato.

Commenta