Il giusto prezzo della cultura. Pagati gli artisti saliti sul palco del Settembre Rendese · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Il giusto prezzo della cultura. Pagati gli artisti saliti sul palco del Settembre Rendese

rende_assessore_vittorio_toscanoRENDE (COSENZA) – Pagati gli artisti saliti sul palco del Settembre Rendese 2015. Segno evidente che, in tempi in cui la pubblica amministrazione fa fatica a pagare imprese, servizi e fornitori, il Comune di Rende rispetta gli
impegni di spesa presi.

“Una condotta esemplare che altri dovrebbero imitare ed esportare negli Enti che amministrano”. E’ quanto afferma l’assessore alla Cultura e agli eventi, Vittorio Toscano.

Il Settembre Rendese è una kermesse che si è ritagliata uno spazio importante nel panorama di più rinomati eventi di musica, teatro e arti performative. Ma la cultura ha un prezzo e gli artisti hanno il diritto di essere pagati in tempo.

“L’amministrazione Manna – commenta l’assessore alla Cultura, Vittorio Toscano – ha dimostrato affidabilità e concretezza. È bello sapere che finalmente questi sacrosanti diritti sono rispettati. A Rende chi sale sul palco viene pagato. Noi, I debiti li paghiamo. E le vecchie abitudini sono solo un ricordo lontano”.

Molto chiaro il messaggio di Toscano: “Siamo costretti a fare i salti mortali per organizzare eventi, per via della Procedura di Riequilibrio che ci ingabbia. Però l’imminente uscita dal Predissesto porterà grandi benefici e la possibilità di portare big dello spettacolo sul palcoscenico di Rende. Molti si chiedono come è possibile organizzare eventi nonostante le casse vuote del Comune. La sponsorizzazione delle aziende private riesce oggi a garantire quella qualità che noi vogliamo dare alla città. Poi verranno momenti migliori, ma la notizia di oggi sottolinea la nostra serietà, quella di un’amministrazione efficiente e puntuale anche in un settore vitale come la Cultura”.

Commenta

loading...