Area urbana, meglio un patto federativo che la città unica. Tavoli tecnici del Laboratorio civico al Museo del Presente · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Area urbana, meglio un patto federativo che la città unica. Tavoli tecnici del Laboratorio civico al Museo del Presente

_rende_manna_laboratorioRENDE (COSENZA) – “Meglio un patto federativo che la città unica. L’area urbana non può essere pensata e vivere come un blocco granitico e una fusione amministrativa, burocratica e politica. E’ soprattutto rispetto delle identità e dei percorsi di due o più realtà unite da un comune desiderio di collaborazione, condivisione e relazione”.

E’ quanto ha affermato il sindaco di Rende, Marcello Manna, che ieri al museo del Presente ha aperto i tavoli tematici della Leopoldina del Laboratorio civico.

“Il patto federativo – ha detto il primo cittadino di Rende – non è, però, una deriva localistica, legata a logiche di quartiere e campanilismo di rozzo conio. Parlo soprattutto di unità nella molteplicità. E’ lo stesso concetto per cui non credo nel centralismo e vedo nel depotenziamento delle funzioni delle Province un male per il governo dei territori.”.

La mia spinta autonomista -ha concluso Manna- non tradisce la volontà dei nostri cittadini di condividere percorsi culturali, sociali ed economici fra Rende e il territorio limitrofi.  Tutti i settori devono avere una visione complessiva, organica, planimetrica. Le buone idee contano. Parliamo prima dei contenuti, poi delle decisioni politiche che li mettono in atto”.

Due grandi tavoli tematici (Urbanistica e sviluppo economico; Sanità, commercio e servizi sociali) hanno animato la Leopoldina del Laboratorio civico rendese, secondo ciclo di tavole rotonde che, nella prossima tappa, ospiteranno, sempre nel Museo del Presente, anche i rappresentanti politici e istituzionali dell’area urbana.

“Organizzazione libera- ha aggiunto Luca Lenti, presidente del Laboratorio civico – per i nostri tavoli, dove tutti possono portare idee innovative e cimentarsi con il futuro possibile delle nostre città, elemento imprescindibile della politica programmatica del Laboratorio Civico.

Commenta

loading...