Rende, Liceo Classico Gioacchino da Fiore eccellenza educativa, il dirigente scolastico Saia incontra il sindaco Manna · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Rende, Liceo Classico Gioacchino da Fiore eccellenza educativa, il dirigente scolastico Saia incontra il sindaco Manna

Print Friendly, PDF & Email

rende_incontro_sindaco_dir_scolastico_saiaRENDE (COSENZA) – “Il liceo classido “Gioacchino da Fiore” – ha dichiarato il sindaco di Rende, Marcello Manna – è un fiore all’occhiello del sistema educativo regionale.

I dati diffusi dalla prestigiosa Fondazione Agnelli certificano l’operato della dirigente scolastica, Eleonora Saia e di tutto il corpo docente. Il ginnasio rendese è un’eccellenza e come tale deve essere messo nelle condizioni di operare nel miglior modo possibile.

Mi auguro che il Piano di dimensionamento non diventi il sistema per depotenziare la città di Rende. Sono sicuro che non sarà così. Non ho dubbi sulla scelta da operare. Sarò al fianco degli studenti, dei genitori e di tutti coloro I quali hanno a cuore le sorti di questa scuola. Un istituto scolastico dove il sapere tradizionale e I programmi educativi dialogano con I problemi della contemporaneità, cimentandosi con autori essenziali come Pasolini e Calvino”.Il dirigente scolastico, Eleonora Saia, ha scritto una lettera al dipartimento Politiche dell’istruzione della Regione Calabria, lamentando disattenzione verso la storia di un ginnasio fra i migliori del Meridione.

“Rende rischia di perdere – ha commentato il dirigente scolastico, Eleonora Saia – l’autonomia scolastica. Questo triste episodio è stato un colpo di mano. Dobbiamo reagire in fretta, vista la progressiva diminuzione di iscrizioni al liceo classico in generale. Siamo una scuola che funziona al meglio e la nostra migliore pubblicità deriva dai risultati brillanti dei nostri ex alunni all’università. I dati diffusi dalla Fondazione Agnelli parlano chiaro. Non hanno bisogno di troppi commenti.

“Il problema è capire – ha sottolineato l’assessore alle Politiche sociali, Ida Bozzo- perché si vuole limitare l’azione educativa di una scuola che produce cultura, e formazione, portando in alto il nome della città di Rende”.

pubblicità

loading...