Il gioiello del centro storico di Rende compie 90 anni. Riapre il cinema Santa Chiara, il più antico della provincia di Cosenza · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Il gioiello del centro storico di Rende compie 90 anni. Riapre il cinema Santa Chiara, il più antico della provincia di Cosenza

Print Friendly, PDF & Email

rende_cinema_santa_chiaraRENDE (COSENZA) – Il cinema più antico della provincia di Cosenza compie 90 anni, il più antico della provincia di Cosenza e fra i più vecchi dell’Italia del Sud.

Domani 23 dicembre alle 10,30 la conferenza stampa nella vecchia sala del cinema alla presenza del sindaco di Rende, Marcello Manna, degli assessori al Centro storico, Marina Pasqua, alla Cultura, Vittorio Toscano e ai Lavori pubblici, Pia Santelli.

Una chiacchierata con I giornalisti in cui verrà tracciata la nuova vita di questo piccolo monumento del racconto in celluloide fra programmazione d’essai e proiezione di quelle grandi pellicole popolari che abbinano autorialità e diffusione di massa.

A fine dicembre la nuova première del cinema con la proiezione di un grande classico della Settima arte e I saluti di rito delle istituzioni. Solo Reggio Calabria aveva una sala più antica. Però chiuse I battenti a dieci anni dal suo esordio, di fatto consegnando a Rende il testimone di un primato filologico e culturale di grandissimo rilievo nel panorama regionale.

rende_cinema_santa_chiara_2La storia del “Santa Chiara” è anche quella della famiglia Garofalo. Fu Pietro, di ritorno dall’America del Nord, a portare per primo il cinematografo in provincia di Cosenza. Correva l’anno 1925. Pietro riceverà dal Presidente della Repubblica, Giovanni Leone la medaglia d’oro per I 50 anni di attività nel 1975.

Il figlio Italo Costantino Garofalo ha calcato le orme del padre, regalando a Rende la grande macchina dei sogni con film indimenticabili.

Pizze d’argento e il rischio di incendi sempre dietro l’angolo, sala gremita e un pubblico mai troppo silenzioso. La vita di un vecchio cinema è costellata di aneddoti e microstorie, quelle che non smettono di esistere anche grazie all’opera di Orazio Garofalo, altro continuatore del fuoco sacro di famiglia, custode di una collezione di film che vanta decine di migliaia di titoli.

pubblicità

loading...