Un gruppo di 6 cicogne bianche svernano nella valle del Crati. Monitorate dai volontari della LIPU · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Un gruppo di 6 cicogne bianche svernano nella valle del Crati. Monitorate dai volontari della LIPU

cartina itinerario cicognaRENDE – (COSENZA) Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato inviatoci dalla Sezione provinciale LIPU di Rende:

Da qualche settimana un gruppo di 6 cicogne bianche hanno preso a dimora la valle del Crati attirando l’interesse e la curiosità di molte persone e automobilisti, a riferirlo sono i volontari della sezione LIPU di Rende.

La Cicogna bianca è una specie migratoria e in questo periodo, la quasi totalità della popolazione europea si trova nel continente Africano. Alcuni individui però possono restare nella stessa zona dove sono nati o compiere “piccoli” spostamenti a sud rispetto al loro areale riproduttivo, ovvero in zone dove trovano condizioni trofiche e climatiche favorevoli.  Ed è appunto il caso di queste 6 cicogne che i volontari della LIPU di Rende stanno monitorando e tenendo sotto controllo sin dall’inizio. Niente di particolare dunque se non fosse che gli stessi volontari hanno però subito notato che tre di queste cicogne presentano sulle loro zampe degli anelli colorati con impresse delle sigle alfa numeriche.

Si tratta quindi di individui che al momento della nascita sono stati inanellati a scopo scientifico da ornitologi autorizzati all’inanellamento. Questa tecnica consente di tenere traccia dei movimenti degli uccelli e raccogliere informazioni sui loro spostamenti e sullo stile di vita, insomma una sorta di vera e propria carta di identità.

L’aspetto interessante è che i volontari della LIPU, dopo varie osservazioni, sono riusciti a leggere i codici alfa numerici degli anelli applicati alle zampe delle tre cicogne. I dati sono stati inviati al centro di coordinamento nazionale (ISPRA) il quale dopo qualche giorno ha risposto e con grande stupore e meraviglia due delle tre cicogne provengono dalla Svezia, la terza dall’Ungheria!

Nate tutte tra Giugno e Agosto del 2015 le cicogne svedesi hanno percorso circa 1.800 km per giungere sin qui da noi, circa 800 quella ungherese riferiscono i volontari LIPU.

La presenza di queste cicogne ci deve far riflettere sull’affascinante fenomeno della migrazione degli uccelli i quali ogni anno coprono distanze enormi per raggiungere i luoghi dove per loro è più facile trovare condizioni di vita favorevoli.

Ma perché queste cicogne si sono fermate proprio qui da noi? Al di la delle condizioni favorevoli, secondo i volontari LIPU potrebbero essere state attirate da una coppia di cicogna che da alcuni anni si riproduce nella valle del Crati e che quest’anno ha deciso di non compiere la migrazione verso sud. La presenza di questa coppia avrebbe potuto indurre queste cicogne a interrompere il viaggio migratorio verso l’Africa.

Forse merito anche del progetto “Cicogna bianca Calabria” fanno sapere i volontari LIPU. La sezione di Rende infatti, sin dal 2003, ha messo in campo questo progetto per favorire la nidificazione di questo splendido uccello attraverso l’utilizzo di nidi artificiali. Strutture particolari posizionate sui tralicci dell’Enel che nell’ultima stagione riproduttiva del 2015 hanno consentito a 16 coppie di cicogne di riprodursi  in Calabria di cui 4 proprio nella Valle del Crati.

Redazione

Commenta