La troupe della tv russa NTV all’Unical per indagare i segreti della longevità · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

La troupe della tv russa NTV all’Unical per indagare i segreti della longevità

Print Friendly, PDF & Email

unical_gruppo_di_ricercaARCAVACATA DI RENDE (COSENZA) – Le ricerche sulla longevità dei laboratori di genetica dell’Università della Calabria, coordinate dal prof. Giuseppe Passarino, saranno protagoniste della trasmissione “Food, death and life” che andrà in onda il 28 maggio sulla tv russa NTV.

Il programma, prodotto da Julia Gaponova, è presentato da Sergey Malozemov, un giornalista scientifico molto noto in Russia che da due giorni si trova in Calabria per scoprire tutti i segreti degli studi del team del campus d’Arcavacata.

Queste ricerche, infatti, sono basate su quello che negli anni s’è rivelato essere il canale d’indagine scientifico più promettente per questa materia: studiare la longevità ricorrendo alla genomica, alla ricerca molecolare e soprattutto all’analisi dei dati raccolti in diverse piccole comunità.

Nei laboratori dell’UniCal è stato scoperto che gli ultra novantenni posseggono un allele (una variante di sequenza di un gene) che svolge un ruolo primario nella digestione e nelle preferenze alimentari influenzando la longevità. Inoltre sono stati studiati alcuni fattori (la risposta allo stress, il metabolismo dei nutrienti, la gestione e l’utilizzo dell’energia) che sembrano essere fondamentali per garantire una vita centenaria.

Una ricerca imponente, quella dell’UniCal, dagli sviluppi sorprendenti, che ha attirato l’attenzione della comunità scientifica mondiale.

L’argomento, inoltre, è di grande interesse proprio in Russia dove lo stile di vita e le abitudini alimentari vanno nella direzione opposta rispetto ai risultati delle ricerche calabresi. In molti, in quella nazione, cominciano a chiedersi se proprio in ragione di queste differenze l’aspettativa di vita non cresce come nel resto d’Europa.

pubblicità

loading...