Il Rugby Rende centra obiettivo stagionale confermando permanenza in serie maggiore · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Il Rugby Rende centra obiettivo stagionale confermando permanenza in serie maggiore

RENDE (COSENZA) – Il movimento ovale calabrese, con la domenica appena trascorsa, aggiunge una nuova mirabile pagina ai propri annali: il Rugby Rende, infatti, centra il suo obiettivo stagionale e con la vittoria maturata sul campo di casa ai danni dell’Afragola Scampia conferma la permanenza in serie maggiore.

Lo stadio “Tonino Mazzuca” si trasforma per l’occasione nel teatro perfetto di una domenica davvero da incorniciare. La prima fase del match risente, in realtà, del carico di tensione accumulato durante le settimane di allenamento dedicate alla preparazione della gara, il vivace e laborioso XV messo in campo dal coach Gianluca Bacci stenta a carburare e, su quello che sarà poi l’unico errore difensivo della partita, concede agli avversari il merito della prima marcatura. La meta campana non scoraggia affatto i padroni di casa che desiderano la vittoria e sono pronti a lottare con fervore per conquistarla; grazie a due piazzati messi a segno con maestria dalla giovanissima apertura Elia Siciliano, il Rende si porta in vantaggio chiudendo il primo tempo su un parziale di 6-5. Alla ripresa il carisma, la grinta e anche la sfrontatezza dei calabresi travolgono la compagine dell’Afragola Scampia: il gioco aperto e il dinamismo sia della mischia che dei trequarti, tipico dei biancorossi, porta in meta Zambrano, Leonetti, Brogno e Magnelli, sancendo il termine della gara e il trionfo del gruppo con un risultato finale di 32-5 (4-1).

L’orgoglio e la soddisfazione della dirigenza sono efficacemente espressi dalle parole del Presidente-Allenatore Gianluca Bacci, il quale al triplice fischio e in pieno clima di festa ha dichiarato: «Bisogna fare i complimenti a questo gruppo giovane, perché si è tirato fuori da una situazione complicata, mostrando a tratti anche un bel gioco, con ritmi sostenuti. Con un’età media intorno a 22-23 anni è un bell’andare. All’inizio della stagione non siamo andati bene e me ne assumo la piena responsabilità, ma quando siamo tornati al nostro DNA è tornato anche il gioco. Ora il gruppo è solido e può vantare un clima fantastico. Ringrazio la società che mi ha dato fiducia, seguendomi anche nei momenti bui e, ovviamente, i miei giocatori che con sacrificio e applicazione mi hanno supportato e soprattutto sopportato, sono dei ragazzi meravigliosi.»

In ambito di riconoscenza un ringraziamento speciale è rivolto al Sindaco della città di Rende, Marcello Manna, che ha creduto nel “progetto” Rugby Rende sin dal primo momento, indirizzando al team la propria sensibilità e soprattutto il proprio tifo. I suoi saluti istituzionali sono stati un po’ come un talismano per i biancorossi, avere dalla propria parte un supporter così illustre è un onore che dà la carica e permette di affrontare ogni sfida con una marcia in più. L’espressione più tangibile di questa sinergia con il Municipio si riscontra nell’impegno con cui il Club sta curando a proprie spese la struttura sportiva di c.da Marchesino: lo stadio “Mazzuca” può vantare ora nuove e sfavillanti insegne che lo renderanno immediatamente individuabile, mentre all’interno del recinto di gioco partiranno nelle prossime settimane i lavori di rifacimento del manto erboso.

La conclusione del campionato non coincide necessariamente con la fine delle attività, prosegue infatti la proficua collaborazione con gli enti scolastici e l’impegno nella promozione di questo splendido sport da parte della società rendese. Nel contesto delle manifestazioni sportive connesse al 100° Giro d’Italia, si è svolta venerdì 21 aprile, presso il Liceo Mattei di Castrovillari, una giornata a tema “ovale” in cui una rappresentativa del Rugby Rende ha avuto l’opportunità di dare un saggio della propria passione agli alunni dell’istituto superiore, offrendo loro la possibilità di cimentarsi in uno sport nuovo, traboccante di valori, e di affezionarsi a una palla che rimbalza in modo strano, ma di certo diverte e dona gioia a chiunque le si avvicini.

Commenta