Arcavacata di Rende accoglie il suo campione, Giovanni Tocci. Ed il sogno continua… · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Arcavacata di Rende accoglie il suo campione, Giovanni Tocci. Ed il sogno continua…

imageARCAVACATA DI RENDE (COSENZA) – Oggi, ad Arcavacata, in Piazza Cuticchio alle ore 18:30, il giovane campione di tuffi Giovanni Tocci ha salutato i suoi compaesani prima di affrontare l’avvincente sfida delle Olimpiadi a Rio de Janeiro 2016.

E’ stato, infatti, organizzato un piccolo evento in suo onore in piazza per omaggiare le recenti imprese sportive (medaglia d’argento a Londra) che gli hanno permesso di conquistare il pass per la massima competizione sportiva. Tocci ha mostrato sicurezza e scioltezza, seppur velata da una giustificata emozione, raccontandosi al pubblico con molta disponibilità ed umiltà. Molti premi e riconoscimenti da parte di personaggi importanti della nostra comunità come il Sindaco Marcello Manna che gli ha consegnato la prima targa firmata “Città di Rende” spendendo parole di soddisfazione ed elogio. Anche l’assessore Vittorio Toscano è salito sul palco dove ha espresso la gratitudine a Giovanni per aver reso Rende fiera del suo forte atleta. A seguire anche il consigliere nazionale del Coni Pino Abate è intervenuto, ribadendo quanto sia entusiasmante avere un ragazzo italiano, e soprattutto calabrese, presente in uno scenario così blasonato quali sono appunto le olimpiadi e consegnandogli la coccarda ufficiale della candidatura delle olimpiadi di Roma 2024. Sono stati presenti inoltre Francesco Manna, in rappresentanza della Cosenza nuoto, e il parroco Don Michele Buccieri il quale ha espresso i migliori auguri al campione, incoraggiandolo a continuare ad inseguire i proprio sogni.

imageA conclusione della festa abbiamo avvicinato Tocci che ha risposto alla nostra domanda:
«Giovanni, dagli allenamenti in piscina qui a Cosenza fino a Rio de Janerio, le olimpiadi, un fenomeno “nostrano” che finalmente ce l’ha fatta. Raccontaci un po’ cosa ti aspetti da questa competizione e che cosa ti senti di consigliare ai più piccoli che vogliono avvicinarsi a questo sport visto che adesso sei un loro idolo».
«Sono riuscito ad ottenere tutto questo grazie al sacrificio e all’allenamento, 6 giorni a settimana, studio, tanto lavoro, ecc. E’ questo il consiglio che mi sento di dare ai ragazzi e a tutti coloro che vogliono iniziare un’attività sportiva: solo con sacrificio ed abnegazione si possono raggiungere risultati davvero importanti. Il mio percorso è iniziato da quando avevo 6 anni, aiutato dalla società Cosenza nuoto, dagli amici e soprattutto dalla famiglia. Successivamente è arrivata la mia attuale allenatrice che mi ha aiutato a perfezionarmi e a coronare questa impresa che ogni atleta vuole conseguire. Adesso vivo questo sogno, questa grandissima opportunità, e spero con tutto il cuore di far bene».

Paolo Conforti

Commenta