L’Unical ancora al top del tennis universitario italiano · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

L’Unical ancora al top del tennis universitario italiano

Print Friendly, PDF & Email

tennis_unical_top_1UNICAL – Il tennis dell’Università della Calabria si conferma ai vertici della disciplina in campo nazionale.
Il merito è, soprattutto, delle giocatrici che la squadra dell’Ateneo, capitanata da Nicola Leone, ha schierato ai ventottesimi campionati italiani, svoltisi a Tortoreto, in provincia di Teramo, dal 26 al 29 agosto.

Una superiorità netta, quella del team Unical, confermata dalla conquista della Coppa Ateneum, il riconoscimento che viene assegnato per il miglior punteggio ottenuto dall’Università vincitrice nei tre tornei della competizione: Assoluto, Over 50 e Femminile.

Come si diceva, il brillante risultato dell’Unical è arrivato soprattutto grazie alla performance delle “portacolori” rendesi, presentatesi ai nastri di partenza con due squadre molto competitive: la prima, formata da Alberta Aiello e Ines Barone, laureatesi Campionesse italiane; l’altra, da Stefania De Cindio e Lidia Malizia, piazzatesi al secondo posto.
Le quattro “moschettiere” dell’Unical hanno letteralmente sbaragliato le avversarie, costrette a riconoscere la superiorità tecnica (ma anche lo spirito di squadra) di Alberta, Ines, Stefania e Lidia, peraltro protagoniste di una bella partita di doppio, particolarmente apprezzata dal pubblico.

Il quadro positivo che ha visto l’Unical piazzarsi ancora una volta in cima alla graduatoria degli Atenei italiani, è stato completato dal terzo posto ottenuto da Nicola Leone, Francesco Kostner e Tonino Volpentesta, negli Over 50, e nel quarto piazzamento di Nicola Folino e Carmine De Bartolo nel maschile Assoluto.

Un pizzico di fortuna in più, tuttavia, avrebbe potuto regalare all’Università della Calabria risultati decisamente più rispondenti alla qualità e al livello tecnico dei propri giocatori.

Nella semifinale giocata con Bologna 1, infatti, Nicola Leone è stato costretto al ritiro per crampi, dopo avere dominato il primo set ed essersi trovato in vantaggio al secondo per 5/1! Il risultato favorevole praticamente già acquisito dal singolarista dell’Unical, avrebbe aperto ben altri scenari all’incontro, mettendo Kostner e Volpentesta, forti della collaudata esperienza e dell’affiatamento che vantano, nella possibilità di giocarsi alla pari l’accesso alla finale per il terzo anno consecutivo.

Ma anche la squadra che ha gareggiato nel tabellone Assoluto ha di che recriminare visto che, proprio alla vigilia del torneo, ha dovuto rinunciare al contributo del primo singolarista, Federico Guzzi, che ha dato forfait per una brutta influenza.

tennis_unical_top_2Soddisfazione per la conquista della Cappa Ateneum è stata espressa dal Rettore, Gino Mirocle Crisci, che ha sottolineato, tra l’altro, “i positivi riflessi di questa affermazione per l’immagine dell’Unical e per lo sviluppo futuro, di questa disciplina e degli altri sport, all’interno del Campus. Sono attività”, ha concluso Crisci, “sulle quali crediamo molto e intendiamo investire nel prossimo futuro, anche attraverso il potenziamento delle strutture esistenti, in modo da arricchire la capacità ricettiva dell’Ateneo anche sotto questo profilo e puntando ad ospitare manifestazioni di interesse nazionale e internazionale”.

Apprezzamenti per il risultato ottenuto dalla squadra dell’Unical ai campionati italiani di tennis, sono venuti anche dal Cruc, rappresentato a Tortoreto dal consigliere Egidio Cario: “Credo che l’impegno, la passione, lo spirito agonistico e, ovviamente, gli obiettivi raggiunti anche in questa competizione – ha detto – siano motivo di soddisfazione non solo per la comunità universitaria, ma per lo sport cosentino e calabrese”.

pubblicità

loading...