Manuela Ghizzoni all’Università della Calabria per parlare del futuro dell’università italiana · Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Cosenza, da Rende e dal cosentino, dalla Calabria.

Manuela Ghizzoni all’Università della Calabria per parlare del futuro dell’università italiana

ARCAVACATA DI RENDE (COSENZA) – Venerdì 26 maggio 2017 alle ore 10:30, presso l’University Club dell’Università della Calabria, la comunità scientifica e gli studenti incontreranno l’On.le Prof.ssa Manuela Ghizzoni, già Presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati, per discutere dello stato di salute dell’università italiana e fare un primo bilancio della riforma a sette anni dalla riforma.

L’evento è stato promosso dal Prof. Pietro Dalena Ordinario di storia medievale dell’ateneo calabrese e delegato ai rapporti con le istituzioni nazionali.

Aprirà i lavori il Magnifico Rettore Prof. Gino Mirocle Crisci che, dopo i saluti di rito, introdurrà la tematica della giornata sulla quale relazionerà l’Onorevole Ghizzoni. Al Prof. Dalena toccherà il compito di coordinare i lavori e concluderli.

L’Onorevole Ghizzoni, già presidente della Commissione Cultura della Camera, si è occupata di problematiche inerenti il mondo della Scuola e dell’Università. La Ghizzoni traccerà un primo bilancio sul funzionamento dell’Università italiana a sette anni dalla Riforma Gelmini che ne ha radicalmente modificato la governance.

Sull’importante manifestazione di venerdì prossimo il Prof. Pietro Dalena ha dichiarato che l’incontro con la Ghizzoni inaugura una serie di manifestazioni ed eventi per interrogarsi e riflettere sul ruolo delle università del Mezzogiorno, sugli effetti prodotti dalla legge di riforma del 2010, sul loro stato di salute, sulla loro tenuta scientifica per trovare, insieme agli esponenti delle istituzioni, della politica e del mondo accademico, i modi per continuare a far crescere gli atenei calabresi e meridionali in genere, attraverso il potenziamento dei legami tra l’ateneo cosentino, le università del Mezzogiorno e le istituzioni del paese.

Commenta

loading...