L’appello dell’Unione Ciechi alla Politica: “Ricordarsi del sociale e dei suoi bisogni” | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

L’appello dell’Unione Ciechi alla Politica: “Ricordarsi del sociale e dei suoi bisogni”

unione_italiana_ciechi_e_ipovedentiCOSENZA – Il presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Cosenza, Giuseppe Bilotti, in occasione della campagna elettorale per le amministrative, invita tutti i candidati a non dimenticare il sociale.

“Il momento delle prossime amministrative – scrive il Presidente Bilotti – in tutti noi ha creato un’occasione di riflessione e d’intervallo per riflettere sul prossimo tour politico, in modo positivo, con manifestazioni di condivisione e volontà concrete e risolutive, atte a soddisfare le molte esigenze del mondo delle difficoltà, in un contesto di promozione delle politiche sociali necessarie alla comunità”.

Advertisement

Il presidente Bilotti sottolinea il fine che anima l’azione dell’Unione Ciechi: interpretare le necessita’ e le aspirazioni della maggioranza delle persone con difficolta’ e in particolare dei ciechi, attraverso la promozione di iniziative utili ad offrire quell’immagine corretta dei portatori di disabilita’ visiva e a favorirne la piena integrazione nel tessuto sociale e lavorativo.

”Tutto cio’ – sottolinea il Presidente Bilotti – dovrebbe stimolare le istituzioni al riconoscimento dei numerosi problemi della categoria e non solo, suggerendone, finalmente, anche una giusta soluzione”.

“Carissimi amici e politici – continua Bilotti – il nuovo itinerario delle politiche sociali della nostra Regione deve partire e unirsi con l’esistente proiettato in un futuro nuovo e propositivo.

La “CURA” del sociale è il superamento delle difficoltà che lo circondano. Non è mai un processo compiuto. La sua qualità deve essere ancora migliorata, le sue dimensioni accresciute e la sua conoscenza dovrà illuminarci la mente per ogni decisione che andremo a prendere.

La nostra – conclude il Presidente dell’Unione Ciechi di Cosenza – è un’opera che abbraccia le varie problematiche ed apre la strada alla programmazione dei prossimi anni dando la possibilità di giudicare e, quindi rafforzare la scelta di starci vicini e sostenerci nel duro cammino, un cammino per conquistare i nostri diritti sempre più difficili da raggiungere e sempre più calpestati dalla non curanza e dalla indifferenza”.

Commenta