Costruire empatia nei luoghi di cura, evento ALT a Cosenza | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Costruire empatia nei luoghi di cura, evento ALT a Cosenza

medico-e-pazienteACOSENZA – L’ALT, Associazione Lotta Tumori di Cosenza, con il sostegno di Fondazione con il Sud, ha organizzato mercoledì 27 aprile, alle ore 18.00, presso la sala delle conferenze del Bar Danesi, in via Bari, 23, a Rende, l’evento “Costruire empatia nei luoghi di cura – cooperare è meglio che competere”.

Saranno presenti i giocatori del Cosenza Calcio e referenti del mondo medico, dell’associazionismo locale e della comunicazione.

Advertisement

“L’idea – ha affermato Anna Maria Rende, presidente dell’associazione – è quella di far vivere ai partecipanti un momento di riflessione sui comportamenti umani, basati prevalentemente sulla competizione che crea vincitori e perdenti. Svolgendo, come volontari, attività in ospedale, abbiamo constatato che collaborando ognuno sostiene l’altro e tutti diventiamo vincitori avendo la meglio sul problema”.

Interverranno, tra gli altri, Mario Veltri, direttore sanitario dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, Filippo Benevento, direttore della casa circondariale di Cosenza, Rosalba Baldino, giornalista, Sergio Crocco, presidente dell’associazione La Terra di Piero, don Tommaso Scicchitano, parroco di Donnici e il regista Gianluca Sia. Inoltre, con il supporto dello psicologo Giuseppe Pagliaro, si svolgeranno delle attività con il pubblico per favorire la condivisione di emozioni.

L’ALT eroga gratuitamente il servizio di accompagnamento del malato per effettuare terapie, visite specialistiche ed esami, ha attivato un laboratorio psicologico e offre servizi di ascolto e informazione a pazienti e famiglie presso il reparto di radioterapia oncologica del Mariano Santo e presso il pronto soccorso dell’Ospedale Annunziata di Cosenza. Per saperne di più si può visitare il sito www.associazionelottatumori.it.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità