"Noi lo facciamo, e tu": le attività del progetto sperimentale di aiuto alle persone disabili | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

“Noi lo facciamo, e tu”: le attività del progetto sperimentale di aiuto alle persone disabili

castelsilano_1CASTELSILANO (CROTONE) – Un intero borgo coinvolto nel progetto di Protezione Civile e Natura Interattiva “Noi lo facciamo! E tu?”, promosso dell’Irifor e dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Cosenza.

A Castelsilano proseguono le attività’ del campo che quest’anno è prettamente operativo, di studio e formazione, sia per i volontari che per gli operatori di protezione civile.

Un progetto sperimentale di metodologie di aiuto alle persone disabili che quest’anno è stato realizzato grazie anche al Dipartimento regionale di Protezione Civile , con la condivisione del dott. Carlo Tansi che ha messo a disposizione la struttura regionale per partecipare al campo. Presente inoltre il Gruppo Salvamento Academy.

All’iniziativa hanno aderito anche l’AVAS, la SAM, l’Arcacalabria e altre associazioni di protezione civile. Fino al prossimo 7 agosto i partecipanti saranno impegnati in sport estremi, corsi di sopravvivenza, corsi di primo soccorso.

castelsilano_2L’intera collettività’ di Castelsilano sta dando un’enorme aiuto. Molti, infatti, gli abitanti del piccolo centro che, giorno per giorno, si avvicinano per fare volontariato. Ad oggi sono circa 45 ragazzi e ragazzi di Castelsilano che condividono il progetto.

L’ amministazione comunale  ha predisposto delle case per ospitare i ragazzi non vedenti. L’intera collettività, dunque, partecipa in modo attivo e con attenzione a tutti i corsi che sono stati attivati. Uno di questi, il BLSD formato dal Gruppo Salvamento Academy, ha avuto la richiesta di circa 28 ragazzi che avranno modo di conoscere così le tecniche di rianimazione e l’utilizzo del defibrillatore automatico.

Il campo predisposto in un’area di 4000 mila mq vede il posizionamento di tende di 8 posti letto, un’infermeria, servizi igienici, un tendone di circa 300 posti, una cucina da campo e tanti mezzi per il soccorso.

Nel campo si tengono inoltre corsi di sopravvivenza e di conoscenza delle tecniche di  soccorso. Non mancano pero’, seminari e incontri. Venerdì prossimo 29 luglio si parlerà di “Protezione civile nei piccoli Centri Montani”, al quale parteciperanno i Sindaci del comprensorio e numerose autorità.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità