Giorgio Durante (MDC): “La Santelli scarica sui giovani fuori sede e sulle loro famiglie l’incapacità nel gestire il rientro in Calabria” | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Giorgio Durante (MDC): “La Santelli scarica sui giovani fuori sede e sulle loro famiglie l’incapacità nel gestire il rientro in Calabria”

“Il comunicato emesso dalla Regione Calabria lascia a dir poco perplessi – afferma Giorgio Durante, coordinatore regionale del Movimento Difesa del Cittadino, associazione nazionale membro del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti -. Su un’importante testata regionale la presidente Santelli avrebbe affermato «i provvedimenti di chiusura della Regione sono in linea con i decreti del Governo nazionale: di fatto è stata seguita la nostra linea impedendo la mobilità interregionale». Della chiusura della mobilità regionale fino a fine maggio – prosegue Durante – non lo abbiamo letto da nessuna parte. Noi siamo rimasti al decreto del 10 Aprile, dov’è scritto «Il Dpcm estende le misure di contenimento dell’epidemia di Coronavirus fino al 3 maggio 2020»”.

“Cosa abbia letto e dove la presidente della Regione Calabria non si capisce – affonda Durante nel motivare il suo intervento sul tema della prevenzione e della sicurezza -. Il rigore e la responsabilità alla quale fa riferimento la Presidente Santelli doveva essere messa in campo prima, quando un’onda di irresponsabili ha preso d’assalto bus e treni e ha raggiunto la Calabria, aiutando la diffusione del virus, oppure nel prendere provvedimenti per salvaguardare la sicurezza di centinaia di anziani e di operatori rimasti davvero alla mercè di irresponsabili gestori di RSA. Se si registra un certo numero di contagi in Calabria è proprio a causa di queste leggerezze, chiamiamole così, causate anche da scelte a dir poco sbagliate dai vertici locali della Protezione Civile che doveva gestire l’emergenza: come, ad esempio, il controllo e il censimento dei rientranti, oppure il rispetto dei protocolli delle RSA da parte delle ASP”.

Continua ancora il coordinatore regionale di MDC: “Stupefacente pure la sua affermazione «rimango convinta che la Politica abbia l’obbligo di coerenza e non debba farsi condizionare dagli argomenti suggestivi spesso strumentalizzati, ma bensì deve attenersi ai dati reali, sanitari e soprattutto al buonsenso orientato alla protezione dell’individuo e della comunità che rappresenta». Ma i dati reali, come il buonsenso e la protezione dell’individuo, la Presidente li tira fuori solo adesso? Potrebbe spiegarci perché la nutrita pattuglia di giovani studenti calabresi, e sono tanti quelli che ad esempio si trovano a Perugia, non possano rientrare? Conosce la Santelli i dati dell’Umbria? Contagi zero. Villa Torano, invece, in provincia di Cosenza, ne conta oltre 100. Ci dispiace che la Presidente si permetta di tirare in ballo in modo così strumentale i sentimenti, mentre fa finta di ignorare le eventuali conseguenze sulla salute mentale di giovani costretti all’esilio forzato, oltre alle non meno importanti conseguenze economiche cui sono costrette a far fronte le famiglie, con spese impreviste. A questo punto, perseverando nel suo intento, se ne faccia carico lei o i suoi uffici. Un Governatore deve muoversi sempre sul principio dell’etica e della giustizia, e su una capacità di analisi di tutti gli aspetti di una problematica. Troppo facile e superficiale, per non dire infantile, liquidare il tutto con un augurio ai giovani rimasti al Nord che «possano tornare per un grande abbraccio liberatorio».

Advertisement

Conclude il coordinatore MDC Calabria, Giorgio Durante: “Presidente prenda atto di non essere in grado nel gestire un rientro in sicurezza di tutti coloro che per rispetto delle norme e dei propri conterranei sono rimasti nei luoghi di studio e lavoro. Faccia l’unica cosa sensata che a questo punto può fare: organizzi bus e treni speciali, faccia i tamponi laddove i sanitari lo ritengano opportuno e restituisca alle proprie famiglie e alla propria terra tutti coloro che si sono, loro si per davvero, sacrificati per tutti gli altri calabresi”.

Advertisement

Commenta