Festa europea del birdwatching, anche la Calabria interessata da questo importante evento grazie alla Lipu | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Festa europea del birdwatching, anche la Calabria interessata da questo importante evento grazie alla Lipu

Si sono svolte sabato 2 e domenica 3 ottobre le due giornate dedicate all’Eurobirdwatch, il più importante evento europeo di birdwatching, organizzato in Europa da BirdLife International e dalla Lipu in Italia.

L’evento si è tenuto in contemporanea in 41 paesi europei e ha visto la partecipazione di 28mila persone in 1.800 eventi. Oltre 7 milioni gli uccelli selvatici osservati in Europa.

In Italia ci sono stati 43 appuntamenti, dal Piemonte alla Sicilia, in cui sono stati osservati oltre 38mila esemplari di uccelli e catalogati per specie contribuendo così alla raccolta dati a livello europeo. Lo storno è risultata la specie più osservata durante il weekend (7368 individui), seguito dal gabbiano reale (3892) e dalla folaga (3623).

In Europa il record di partecipanti dell’Eurobirdwatch 2021 è stato registrato in Ungheria (5415), mentre il maggior numero di uccelli avvistati è stato in Finlandia (1.550.000).

Anche la Calabria è stata interessata da questo importante evento grazie al Coordinamento regionale Lipu e alle due delegazioni di Rende e Vibo Valentia che nella giornata di domenica 3 ottobre hanno organizzato tre uscite presso la Riserva Naturale del Lago di Tarsia (Cs) – in collaborazione con Ente gestore delle Riserve Lago di Tarsia e Foce del Crati – a Punta Alice (Kr) – in collaborazione con la StorCal – e presso l’Oasi naturalistica lago dell’Angitola (Vv) in collaborazione con WWF Vibo Valentia.

Numeri importanti anche in Calabria, oltre 60 i partecipanti ai due eventi con la presenza di molte famiglie e bambini, 1.766 gli uccelli osservati e censiti appartenenti a 56 specie diverse.

Grazie all’aiuto dei volontari Lipu i partecipanti hanno imparato a riconoscere, tra divertimento e stupore, diverse specie di uccelli, dai più comuni aironi, come garzette e aironi cenerini, alla più rara spatola, dai rapaci, come il falco di palude e l’albanella reale, ai più piccoli pettirossi, fringuelli e luì piccoli.

Advertisement

Due esemplari di cicogna bianca, inoltre, in occasione di questo importante evento, sono stati liberati nell’Oasi dell’Angitola, precedentemente recuperati ed affidati alle cure del CRAS di Catanzaro.

L’Eurobirdwatch è stato anche un modo per sensibilizzare e far conoscere meglio le abitudini degli uccelli migratori, i rischi e le minacce che incontrano durante il loro lungo viaggio migratorio e le azioni di tutela messi in campo dalla Lipu. Ha dato inoltre molte indicazioni sullo stato di conservazione e di salute della natura nel nostro paese, in quanto gli uccelli selvatici sono efficaci e riconosciuti indicatori della qualità dell’ambiente che ci circonda ma ha rappresentato anche una bellissima occasione di divertimento individuale e collettivo.

Advertisement

Commenta