Sicurezza COVID-19 nelle scuole. IdeaScuola, lettera aperta alle istituzioni | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Sicurezza COVID-19 nelle scuole. IdeaScuola, lettera aperta alle istituzioni

“Genitori, docenti, esponenti del mondo accademico, medico e scientifico italiano trasmettono il documento
scientifico allegato, quale Lettera Aperta alle Istituzioni, per evidenziare le proprie preoccupazioni in merito alle
misure di mitigazione del rischio contagio da Covid-19 nelle aule scolastiche, ritenute insufficienti a fronte della prevalenza della variante Delta nel territorio nazionale e propongono un approccio alla soluzione del problema proiettato al miglioramento della fruizione degli edifici scolastici a lungo termine e con una visione post emergenziale.
Alla luce di studi ed evidenze internazionali sull’andamento epidemiologico Covid-19 in età pediatrica in seguito
alla riapertura delle scuole, sull’impatto dell’infezione sulla salute dei bambini e sugli effetti della long covid, viste
le annose carenze strutturali delle scuole italiane, riteniamo gli attuali protocolli di sicurezza incompleti perché
presentano un limitato riferimento al contagio via aerosol, deroghe al distanziamento e inadeguate indicazioni
sulla qualità dell’aria dell’ambiente scolastico (ventilazione, tempi di esposizione, mitigazione di attività
respiratorie molto emissive, sovrannumerosità delle classi, …) misure fondamentali per il contrasto al contagio di
infezioni per vie aeree qual è quello del Covid 19, come finalmente certificato dall’ OMS, dall’ECDC ed dall’Istituto
Superiore di Sanità (Rapporto ISS COVID19 n.12 maggio 2021).
La drammatica situazione attuale dei contagi nel Regno Unito conferma le nostre preoccupazioni sulle riduzioni
di quarantene o su altre forme di deroga che diminuirebbero ulteriormente il livello di sicurezza nelle aule, a
maggior ragione per gli alunni minori di anni 12 che ancora non hanno accesso alla vaccinazione. Ricordiamo che
la Società Italiana Pediatria (SIP) stima che 1 bambino su 10 in Italia è fragile (in media, 2 per classe) e dunque
presenta un rischio più elevato di complicanze in caso di contagio.
La sicurezza nelle classi scolastiche, sia in occasione dell’evento pandemico attuale, sia in prospettiva futura, per
la salute e la prevenzione di ogni altra patologia, deve passare per una preliminare valutazione integrata del
rischio fatta su base medica, ingegneristica ed epidemiologica, alla luce degli studi che mettono in correlazione la
qualità dell’aria con il maggiore o minore rischio di contagio SARS-CoV-2, e deve puntare a sviluppare nel
personale scolastico, negli studenti e nelle studentesse e nelle famiglie una corretta informazione sulle modalità
e sui rischi reali di contagio nelle classi scolastiche e all’adozione di opportune azioni di mitigazione orientate a
mitigare l’emissione dell’aerosol da parte di eventuali soggetti infetti, tra queste:
▪ migliorare la ventilazione (con sistemi di ventilazione meccanica controllata, sensori di CO2 per il
controllo dell’aerazione ottenibile dall’apertura di porte e finestre) e la filtrazione dell’aria (con sistemi
di purificazione) e la qualità dell’aria in ordine al raffrescamento e al riscaldamento, con provvedimenti
di riqualificazione energetica degli involucri edilizi scolastici
▪ prevedere linee guida chiare in merito alla gestione del rapporto riscaldamento-umidità dell’aria, che
andrebbe monitorata e gestita attraverso appositi umidificatori
▪ continuare a utilizzare dispositivi di protezione individuale quali mascherine chirurgiche o meglio filtri
facciali (FFP2 o N95)
▪ assicurare testing periodici a tutta la popolazione scolastica (con cadenza minima bisettimanale per i
non-vaccinati), accompagnati da tracing efficace
▪ rendere accessibili i dati dei contagi scolastici aggiornati costantemente, completi e pubblici (open data)
per condurre analisi indipendenti.
Un sistema proattivo che si occupa della qualità dell’aria ha ripercussioni positive a lungo termine, non solo sul
contrasto alla diffusione dei patogeni trasmessi per via aerea, ben presenti da sempre negli ambienti scolastici,
ma anche sul miglioramento delle capacità cognitive degli studenti e del ben-essere di tutti coloro che studiano e
lavorano negli ambienti scolastici.
Accanto alle esigenze pre-pandemiche della scuola italiana di incrementare gli investimenti nel recupero edilizio,
nella riqualificazione energetica e nel miglioramento sismico del patrimonio immobiliare strumentale scolastico,
bisogna occuparsi delle non più trascurabili condizioni di salubrità e di benessere dei luoghi dell’apprendimento,
secondo i principi degli Healthy Building.
Perfettamente in linea con l’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile e con i protocolli sul clima firmati dall’Europa, affinché non si riducano in sterili “bla bla bla”, ciò dovrebbe avvenire entro gli investimenti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza (PNRR) e dal Piano Nazionale degli Investimenti Complementari (PNC), che oltre a contemplare investimenti relativi a edifici scolastici esistenti e a nuovi immobili da realizzare, puntano sia sulla riqualificazione dell’edilizia nuova ed esistente in chiave di sostenibilità energetica sia sulla riqualificazione digitale, attraverso la cablatura di rete delle scuole.
L’attuale pandemia di SARSCovid2 ci impone molti cambiamenti a breve e lungo termine, che sono a un tempo
culturali, sociali ed economici. Abbiamo l’occasione di migliorare non solo le condizioni di apprendimento ma
anche quelle delle relazioni tra le persone, finalmente fondate su obiettivi di ben-essere, facendone un indicatore
importante per la crescita di un Paese, a partire dai luoghi in cui si educa e si cresce.
Dal tempo della Londra vittoriana, grazie al lavoro di John Snow che evidenziò la trasmissione del colera con
l’acqua, abbiamo ingegneristicamente messo in sicurezza l’acqua che utilizziamo nei nostri edifici, controllando il
rischio di infezioni. Abbiamo acquisito il concetto di “acqua pulita” come uno dei diritti ineludibili per la salute,
adesso tocca al diritto all’aria pulita, non meno importante del diritto all’acqua pulita. Nel 2008 la Corte di Giustizia Europea ha stabilito un “diritto all’aria pulita” esigibile per via giudiziaria, con riferimento all’inquinamento. Dal 2020, la pandemia ci ha messo davanti in modo chiaro come tale inquinamento comprenda anche elementi patogeni presenti nell’aria.
Siamo consapevoli dell’importanza di tenere aperte le scuole e della complessità della gestione del problema, e
fin da subito ci siamo adoperati in tal senso, ribadendo che avere un “paese aperto” con una “scuola aperta” passa
dal dovere delle autorità di garantire il rischio minimo in ogni luogo pubblico e il benessere psico fisico attraverso
le chiare azioni che abbiamo descritto.
Non esiste competizione ma concorso di diritti, non c’è istruzione e non c’è lavoro senza salute, come indica tutta
la nostra legislazione, auspichiamo quindi un attento ascolto delle Istituzioni al fine proprio di garantire i
costituzionali diritti alla salute e all’istruzione”.

IdeaScuola Comitato Nazionale

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità