Riaperto l'Avviso pubblico per il voucher. Per la Città dei Ragazzi si lavora al capitolato di gara | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Riaperto l’Avviso pubblico per il voucher. Per la Città dei Ragazzi si lavora al capitolato di gara

COSENZA – Sono stati riaperti i termini dell’avviso pubblico indirizzato alle donne interessate all’ottenimento del voucher da utilizzare per conciliare gli impegni lavorativi con quelli di vita familiare. La nuova scadenza è fissata alle ore 12.30 del 31 gennaio 2017.
A comunicarlo è l’Assessore alle pari opportunità Matilde Spadafora Lanzino, la quale sensibilizza le donne, in possesso dei requisiti, a produrre la domanda per il voucher, che rappresenta una buona opportunità per riuscire a conciliare le esigenze di lavoro con quelle familiari, alleviando lo sforzo economico da sostenere.
Ricordiamo che l’Avviso che parte da Palazzo dei Bruzi interessa le donne residenti in uno dei Comuni che ricadono nel Distretto socio assistenziale n. 1 del quale Cosenza è comune capofila. Altri requisiti: un reddito ISEE non superiore a € 10.000, età dei figli non superiore ai 10 anni (o 18 anni in caso di invalidità accertata di almeno il 74%). Qualche esempio dei servizi ai quali si può accedere con il voucher: servizi educativi integrativi, baby sitting, ludoteca, centri per la famiglia; servizi socio educativi assistenziali ai minori fino a 10 anni, come l’accompagnamento a scuola, a visite mediche, ad attività sportive, ecc. La domanda si può scaricare dalla home page del sito istituzionale (www.comune.cosenza.it) nella sezione ‘Bandi di gara in scadenza e Avvisi”.

Nell’occasione, l’Assessore Spadafora Lanzino, che è anche titolare della delega alla scuola ed alla città a misura di bambino, interviene sulla Città dei Ragazzi rispetto alla quale informa che si sta approntando il capitolato per la gara, di prossima pubblicazione, per la gestione della struttura di via Panebianco.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità