Decreto Sicurezza, Occhiuto: "Un plauso al ministro Minniti. Ora valorizziamo il provvedimento con protocolli attuativi tra Regioni e Comuni" | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Decreto Sicurezza, Occhiuto: “Un plauso al ministro Minniti. Ora valorizziamo il provvedimento con protocolli attuativi tra Regioni e Comuni”

COSENZA – “Il decreto sulla sicurezza approvato nei giorni scorsi dal Consiglio dei Ministri è un articolato pacchetto di misure che ha come obiettivo principale quello di rafforzare gli enti territoriali e, di conseguenza, favorire l’intervento diretto da parte dei Sindaci, attraverso il supporto integrato delle forze di polizia nella lotta al degrado delle aree urbane”.
Lo afferma Mario Occhiuto, primo cittadino di Cosenza e presidente della Commissione Mezzogiorno dell’Anci.
“Tengo ad evidenziare – aggiunge Occhiuto – l’importanza di questo provvedimento, a cui si è giunti grazie all’impegno del ministro Marco Minniti. Vi si privilegia, tra le altre cose, la programmazione che, in materia di sicurezza, è un elemento da non sottovalutare dal momento che oggi la questione è una priorità di tutti i governi locali del nostro Paese, senza distinzione di territorialità. Nel decreto, vengono finalmente disegnate delle precise ramificazioni sinergiche che andranno a rafforzare le competenze dei Sindaci – dichiara Occhiuto – mettendo il punto sulle buone pratiche quali il decoro urbano che a Cosenza, ad esempio, sono ormai assorbite nella realtà dei cittadini come sinonimo di benessere. Ritengo – prosegue ancora – che il decreto Minniti sulla sicurezza vada ulteriormente valorizzato attraverso una serie di protocolli attuativi tra Regioni e Comuni capoluogo, in modo da ottimizzare gli stessi interventi e investire le risorse previste, al fine di migliorare concretamente la qualità della vita delle nostre comunità. Chissà che la Calabria non possa diventare il motore-pilota di questa proposta”.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità