Controlli a tappeto sui contrassegni che agevolano circolazione e sosta alle persone con mobilità ridotta e ai non vedenti | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Controlli a tappeto sui contrassegni che agevolano circolazione e sosta alle persone con mobilità ridotta e ai non vedenti

COSENZA – Si intensificano i controlli della Polizia Municipale sulle autorizzazioni C.U.D.E., più semplicemente il contrassegno rilasciato a disabile con mobilità ridotta e ai non vedenti.

Le verifiche in corso, dicono dall’Ufficio Mobilità del Comune, riguardano in particolare l’esistenza in vita del titolare del permesso poiché, in caso di decesso dell’intestatario dell’autorizzazione, i familiari sono tenuti a restituire il contrassegno. La mancata restituzione comporta un utilizzo abusivo del pass (con multe che partono da 84 euro), configura una violazione amministrativa oltre che ledere i diritti delle persone disabili alle quali deve essere garantito il corretto uso dei parcheggi loro riservati.

E’ sanzionato – ricordano dall’Ufficio Mobilità – anche l’uso improprio del contrassegno, con ritiro immediato dello stesso da parte degli agenti preposti al controllo, seguito, in caso di abuso nell’utilizzo, dalla revoca del titolo autorizzativo; provvedimenti che si applicano anche in caso di validità scaduta del contrassegno. Un uso improprio è, per esempio, il caso di acquisti o servizi svolti per conto del disabile ma senza che lo stesso sia a bordo.

Si ricorda infine che il permesso c.u.d.e. è personale e non cedibile, non è vincolato ad uno specifico veicolo e deve essere esposto in originale, ben visibile, nella parte anteriore del veicolo. Non sono dunque ammesse fotocopie, immagini scannerizzate o contraffatte, pena il sequestro del documento e l’applicazione di sanzione pecuniaria fino alla denuncia penale in caso di contraffazione.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità