Crotone, neonata muore poco prima del parto in ospedale, aperta inchiesta | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Crotone, neonata muore poco prima del parto in ospedale, aperta inchiesta

CROTONE – La Procura della Repubblica di Crotone ha aperto un’inchiesta sulla morte di una neonata avvenuta poco prima del parto. Il magistrato, il sostituto procuratore Alessandro Rho, dopo la denuncia dei genitori, ha disposto il sequestro della cartella clinica, eseguito dalla Squadra mobile, ed ha iscritto nel registro degli indagati sei persone dell’equipe medica del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale ipotizzando nei loro confronti il reato di omicidio per colpa medica. Si tratta di due medici, due ostetriche e due infermiere che hanno assistito Maria, la donna di 37 anni di Santa Severina che doveva partorire ma la cui bambina è morta. La vicenda è stata raccontata in un servizio da Studio Aperto.
La donna si è recata in ospedale venerdì scorso ed era stata sottoposta ad un primo tracciato, dal quale non sarebbero emersi problemi per il feto che aveva in grembo. In serata è stata sottoposta ad un secondo tracciato, a cavallo del cambio turno delle ostetriche, durato oltre due ore che ha rivelato il battito bradicardico della bambina. Nel corso della notte, secondo quanto ha raccontato la donna in un video, si è rivolta alle ostetriche perché sentiva che qualcosa non andava ma sarebbe stata rassicurata senza essere visitata. Fino a quando, verso le 4, la donna ha chiesto nuovamente l’intervento delle ostetriche che, questa volta, l’hanno portata in sala operatoria per essere sottoposta a taglio cesareo. Al risveglio, però, ha saputo che la bambina era morta. Secondo la denuncia della famiglia i ritardi nell’eseguire gli esami, nonostante le richieste della puerpera che ha due figli di 9 e 7 anni e sentiva che qualcosa non andava, avrebbero causato la morte della bambina. Stamani è stata eseguita l’autopsia a cui hanno partecipato anche i periti nominati dagli indagati. L’esame è stato eseguito dal medico legale Isabella Aquila che si è presa 60 giorni per il responso. (ANSA).

Advertisement

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità