Cirò Marina, rapine a mano armata, arrestati i presunti autori grazie a sistemi di videosorveglianza | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cirò Marina, rapine a mano armata, arrestati i presunti autori grazie a sistemi di videosorveglianza

CIRÒ MARINA (CROTONE) – Sono accusati di essere gli autori di una serie di rapine a mano armata avvenute tra ottobre e novembre scorsi a Cirò Marina. Tre persone di 61, 42 e 39 anni, tutti con precedenti, sono state arrestate dai carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Crotone, su richiesta della Procura.

Le indagini dei militari hanno permesso di ricostruire tre episodi delittuosi, uno dei quali contestato a tutti e tre i rapinatori. La prima rapina è stata consumata, la sera dello scorso 17 ottobre, nei confronti di una donna aggredita alle spalle da un malvivente, accompagnato da un complice identificato, e poi strattonata e derubata della borsa contenente denaro e effetti personali.

Advertisement

Il secondo episodio è del 30 ottobre: uno dei tre arrestati, giunto sul posto assieme ad un complice, è accusato di avere rapinato il rappresentante di una società di scommesse che aveva appena ritirato l’incasso di alcune slot-machine poste all’interno di esercizi commerciali.
La vittima, bloccata con l’auto, è stata minacciata con un’arma e costretta a consegnare l’incasso di circa 4 mila euro in contanti. Terzo episodio il 4 novembre, quando i tre sarebbero tornati all’azione rapinando il corriere di una ditta di consegne costretto, dopo essere stato bloccato da un’auto, a consegnare l’incasso della giornata, pari ad euro 1.300 euro circa. Anche in questo caso la vittima è stata minacciata con una pistola che spuntava dalla tasca della felpa di uno dei tre rapinatori.
All’arresto dei tre presunti rapinatori i militari sono giunti grazie a servizi di osservazione, controllo e pedinamento e all’analisi dei filmati ricavati dai sistemi di videosorveglianza, sia pubblici che privati della zona. Gran parte della refurtiva è stata recuperata. (ANSA).

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità