Laureana di Borrello (Rc), si barrica in casa e minaccia far esplodere bombola di gas. Tso per 36enne oltre a denuncia per reato di strage | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Laureana di Borrello (Rc), si barrica in casa e minaccia far esplodere bombola di gas. Tso per 36enne oltre a denuncia per reato di strage

LAUREANA DI BORRELLO (REGGIO CALABRIA) – Si è barricato in casa minacciando di suicidarsi facendo esplodere l’appartamento con una bombola di gas ma è stato bloccato dai carabinieri. E’ quanto accaduto a Laureana di Borrello.

Dopo la segnalazione di un cittadino, i carabinieri si sono recati nel centro storico dove un 36enne – che si era reso irreperibile per un paio di giorni tra il 10 e il 12 marzo scorsi e era stato rintracciato dai carabinieri – si era barricato in casa ed hanno notato l’uomo, in forte stato di ebbrezza alcolica che, con un accendino in mano, apriva e chiudeva la valvola della bombola.
Dopo avere fatto intervenire anche i vigili del fuoco ed i medici del 118, i militari hanno fatto evacuare le abitazioni circostanti e i curiosi che si erano assiepati nei dintorni, creando una sorta di cordone di sicurezza. Mentre l’uomo veniva distratto, il comandante della Stazione e due carabinieri, utilizzando una scala, si sono introdotti nell’abitazione dal retro, infrangendo il vetro di una finestra. Una volta raggiunta la camera da letto, i militari si sono lanciati sull’uomo e, simultaneamente, hanno chiuso la valvola della bombola del gas.
Una volta messi in sicurezza gli ambienti, l’uomo è stato portato in caserma, dove, alla presenza del Sindaco, su valutazione del personale medico sono state avviate le procedure di trattamento sanitario obbligatorio.
Il 36enne è stato anche segnalato alla Procura della Repubblica di Palmi per il reato di strage avendo messo in pericolo l’incolumità pubblica per i danni che avrebbe potuto provocare se avesse fatto esplodere la bombola. (ANSA).

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità