Cosenza, controlli anti covid, sanzioni a due locali | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cosenza, controlli anti covid, sanzioni a due locali 

I Carabinieri della Compagnia di Cosenza, nei giorni scorsi, nel capoluogo bruzio, hanno posto in essere un servizio coordinato di controllo del territorio finalizzato al rispetto delle normative anti Covid-19 nonché al rispetto delle specifiche normative del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza per i locali pubblici. Nello specifico, con il prezioso supporto del personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Antisofisticazione e Sanità dei Carabinieri di Cosenza, i militari della Compagnia bruzia hanno proceduto ad una serie di controlli sia ai locali pubblici sia alla circolazione stradale.

Advertisement

Nel corso del servizio i militari hanno verificato il rispetto delle normative anti Covid-19, assicurando il distanziamento sociale tra i giovani riuniti sulla pubblica via e l’uso delle mascherine in caso di assembramento. Per quanto riguarda i controlli alla circolazione stradale, venivano elevate due sanzioni amministrative ad altrettante autovetture parcheggiate sul marciapiede in divieto di sosta ed inoltre, in seguito ad esame con etilometro, veniva elevata una sanzione amministrativa ad un giovane per guida in stato di ebbrezza, con contestuale ritiro della patente di guida.

All’esito dei controlli svolti da parte del personale specializzato di N.I.L. e N.A.S., due locali pubblici venivano sanzionati in quanto veniva riscontrata la presenza di un lavoratore in nero in ciascuno dei locali ed inoltre, uno dei due esercizi pubblici veniva altresì sanzionato per il mancato rispetto delle normative anti Covid-19 in quanto all’interno era presente un grosso assembramento.

L’attività di prevenzione e controllo da parte dei militari della Compagnia di Cosenza proseguirà nei prossimi giorni al fine di tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini, per evitare gli assembramenti nelle zone più interessate dalla movida, con il potenziale rischio di nuove occasioni di propagazione del virus.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità