Debutta a Paola la commedia in vernacolo su San Francesco. Nel palazzo della Provincia la presentazione della rappresentazione che farà tappa in nove comuni | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Debutta a Paola la commedia in vernacolo su San Francesco. Nel palazzo della Provincia la presentazione della rappresentazione che farà tappa in nove comuni

palazzo_provincia_cosenza_1COSENZA – Una commedia in vernacolo sulla vita di San Francesco di Paola. Si chiama “Padda de focu. Franciscu Vulcanu de Carità”, è stata scritta da Mirella Turco Romagno e debutterà l’11 maggio al teatro Odeon di Paola.

La commedia è stata presentata questa mattina, nella Sala degli Stemmi della Provincia di Cosenza, dalla stessa autrice insieme al presidente della Commissione speciale provinciale per il VI centenario della nascita di San Francesco di Paola, Graziano Di Natale, alla dirigente del Settore Politiche culturali, Anna Viteritti, e al vicepresidente della Provincia di Cosenza, Franco Bruno.

Advertisement

Il vicepresidente Bruno, nel corso del suo saluto introduttivo, ha anche annunciato l’arrivo della nave scuola, orgoglio della Marina italiana, “Amerigo Vespucci” a Corigliano il 5 maggio, nell’ambito delle celebrazioni per San Francesco di Paola, santo anche protettore della gente di mare.

La dirigente Anna Viteritti ha invece sottolineato l’impegno della Provincia nell’allargare le iniziative, fin qui programmate, a tutti i centri del territorio, mentre il presidente della Commissione speciale, Di Natale, è entrato nel vivo della programmazione del tour itinerante della commedia, che dopo Paola toccherà altri otto comuni della provincia, dove il santo ha operato e che sono sede di santuari a lui dedicati.

Alla conferenza stampa, era presente anche una rappresentanza della compagnia teatrale che porterà in scena la commedia, tutti attori non professionisti ma molto devoti a San Francesco, che hanno sottolineato anche l’importanza dell’uso del dialetto nella rappresentazione, quale strumento per la riscoperta delle radici e delle tradizioni.

Commenta