La band dei Parkwave e il Jazz Quartet nel programma di oggi al Lungofiume Boulevard | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

La band dei Parkwave e il Jazz Quartet nel programma di oggi al Lungofiume Boulevard

cosenza_jazz_quartetCOSENZA – Largo ai giovani oggi, martedì 26 luglio, sul Lungofiume Boulevard. Due i set musicali in programma sui palchi allestiti lungo la promenade del Parco Fluviale.

Alle 21,30 partirà il set della band cosentina dei “Parkwave” formata da Ilario Musco alla chitarra, Mattia De Luca alla batteria, Raffaello Garofalo al basso e Fernando Rennis (voce e chitarra). Nel corso del concerto i “Parkwave” riproporranno i brani del loro album di debutto, “Better Than This”, pubblicato nel febbraio di quest’anno per Bizarre Love Triangles, management guidato dal dj e produttore Fabio Nirta, e dall’etichetta statunitense Friends Records.

I Parkwave nascono nel 2013 per volontà di quattro ragazzi provenienti da altre esperienze musicali. Nel dicembre dello stesso anno viene pubblicato il singolo “Wave” incluso successivamente nella colonna sonora del film indipendente britannico “The Antwerp Dolls” di Jake L. Reid presentato in anteprima mondiale al Garden State Film Festival di Atlantic City (Usa) nel marzo 2015. La band viene notata sin da subito da siti stranieri come Impose Magazine (Usa), Live4Ever (Uk) e Deadly Music (IRL).
Nel 2014 viene pubblicato in free download il singolo “Inside”, registrato alle Dissonanze Studios di Lamezia da Fabio

Abate e Danilo Gentili (The Box Studio), che garantisce ai quattro la partecipazione al Festival delle Radio Universitarie a Novara. Con la partecipazione all’Arezzo Wave Festival e al Disorder Festival di Eboli i Parkwave chiudono un 2014 ricco di soddisfazioni.

Il 2015 viene dedicato per lo più all’attività live e alla scrittura e registrazione del primo disco della band. “Better Than This” è stato registrato tra l’inverno e la primavera dello scorso anno al The Box Studio di Rende (CS) da Danilo Gentili e Fabio Abate e allo Studio Waves di Pesaro da Paolo Rossi che si è occupato anche del missaggio e della masterizzazione del disco.

Per gli appassionati di jazz il programma di oggi al Lungofiume Boulevard prevede anche il set, sempre alle ore 21,30, del “Jazz quartet”, giovane formazione cosentina che schiera quattro giovani promesse del Dipartimento Jazz del Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza, diretto da Nicola Pisani.

Si tratta di Marco Greco alla chitarra, Carlo Manna al piano, Stanislao Barbieri alla batteria e Carlo Bilotta al basso. I quattro talentuosi giovani musicisti si sono distinti lo scorso 21 giugno ed il 3 luglio a Palazzo Arnone, in occasione della Festa della Musica.

Nel concerto del Lungofiume Boulevard Marco Greco, Carlo Manna, Stanislao Barbieri e Carlo Bilotta eseguiranno un repertorio di standard jazz: da “Little sunflower” di Freddy Hubbard a “Footprints” di Wayne Shorter, da “So What” di Miles Davis a “Cantaloupe Island” di Herbie Hancock. E ancora altri brani che hanno fatto la storia del jazz: “Autumn leaves”, “Summertime”, “Beautiful love”, “St.Thomas”, “All of me”, “Green dolphin street”, “A night in Tunisia”, “Somedy my prince will come”. Un quartetto che, per quanto sorto da poco, si sta facendo già apprezzare, dedicandosi con molta passione al jazz che occupa gran parte delle loro giornate. Il gruppo ha stoffa e buone credenziali. Trascinato dalla chitarra di Marco Greco, talento da tenere d’occhio, può contare sull’apporto di un virtuoso come Carlo Manna che ha seguito le masterclass con Dado Moroni, e del batterista Stanislao Barbieri che nel 2014 ha partecipato ai corsi della Berklee Summer School di Umbria Jazz a Perugia, diretta dal contrabbassista Giovanni Tommaso, dove ha seguito le clinics di batteria e che ora ha la fortuna di essere iscritto ai corsi del Conservatorio di Cosenza con un docente del calibro di Fabrizio Sferra (il celebre drummer del trio dei “Doctor tre” di cui fa parte insieme a Danilo Rea ed Enzo Pietropaoli). Chiude la formazione il bassista Carlo Bilotta, anche lui prezioso elemento del gruppo che spicca per talento e versatilità.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità