Il 24 marzo si chiude B-book Festival alla Città dei Ragazzi. Cosa c'è in programma | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Il 24 marzo si chiude B-book Festival alla Città dei Ragazzi. Cosa c’è in programma

COSENZA – La seconda giornata di B-book, festival di arte e letteratura per bambini e ragazzi che si sta svolgendo alla Città dei Ragazzi, ha chiuso con un bilancio molto positivo. Tutti i laboratori e gli incontri hanno registrato il tutto esaurito, e i bambini e i ragazzi della nostra regione hanno incontrato alcuni degli autori più interessanti del panorama contemporaneo italiano.
La terza e ultima giornata, venerdì 24 marzo – articolata come le precedenti in incontri e laboratori mattutini riservati alle scuole, e in una serie di attività pomeridiane aperte al pubblico – riserverà un ampio spazio agli autori calabresi.

I bambini e i ragazzi delle scuole potranno dunque incontrare Anna Vivarelli e Guido Quarzo, Luca Randazzo, Gabriele Clima, Andrea Vico, Annalisa Ponti e Grazia Gotti sono gli autori provenienti da fuori regione. Oltre a loro tre autori calabresi: Eliana Iorfida con la storia vincitrice del concorso la Giara indetto dalla RAI, Sette paia di scarpe (RAI ERI, 2016), Patrizia Fulciniti con Picchio verdicchio (Falzea editore, 2014) e Pietropaolo Morrone che con la sua orchestra porta a b-book 2017 la sua favola Il coccodrillo e la scarpa (ilFilorosso, 2016).

Il pomeriggio si aprirà invece alle 15.00 con Il diario di Sunita (Rizzoli 2016) che racconta la storia vera di una ragazza di 10 anni e del suo sogno di una vita diversa, quello di poter studiare e vivere in libertà.

Alle 16.00 sarà la volta di Museum Children e-book con Leggere il patrimonio a cura di Anna Cipparrone, per proseguire poi con il libro di Patrizia Fulciniti Picchio Verdicchio che racconta di quanto sia importante la libertà, per i bambini e per gli animali.

A chiudere il festival b-book 2017 (ore 18) sarà il pediatra – musicista – scrittore Andrea Satta con la presentazione del suo ultimo libro Mamma quante storie (Treccani, 2016), una serie di fiabe raccolte in ambulatorio. Andrea Satta, che è anche autore e voce del gruppo musicale Tetes de bois, nella sua attività di pediatra si è fatto raccontare dalle mamme dei suoi piccoli pazienti delle storie, favole dei loro luoghi di origine. Ne è nato un libro straordinario, ricco di voci e suggestioni i cui proventi andranno alla biblioteca di Lampedusa.

Ultimo incontro di formazione di quest’anno è l’imperdibile incontro con Grazia Gotti, una delle fondatrici della libreria Giannino Stoppani di Bologna – la seconda libreria per ragazzi d’Italia – e dell’Accademia Drosselmeier, scuola per librai e giocattolai. Grazia racconterà, attraverso il suo libro Ne ho vedute tante da raccontar, la sua incredibile esperienza di insegnante e libraia.

Ancora, nel pomeriggio proseguiranno i laboratori creativi iniziati nelle sessioni mattutine con gli studenti: Benvenuta Primavera, laboratorio di pittura di strada a cura di Gianluca Salamone; Leggere il patrimonio, attività creative e didattiche sulle opere d’arte a cura di Museum Children e-book, La fabbrica dei disegni, Little yellow and little blue e Swimmy a cura di Tagesmutter-Cooperativa La Terra; Island Storie – las historias de la Isla laboratorio a cura de L’Isola che non c’era, Le storie dove stanno. Se faccio capisco a cura di Sonia Falcone e Daniele Siciliano, Il potere del ritmo a cura di Leon Vulpitta Pantarei; Il filobus numero 75 a cura di Paolo Spinelli; Laboratorio di lettura e ludico espressivo per bambini e genitori a cura di mammachemamme e Crescimondo.

B-book festival gode del patrocinio del Comune di Cosenza – Assessorato alla Scuola – Pari opportunità – Educazione sentimentale – Formazione della coscienza civica – Città a misura di bambino della Città di Cosenza e dell’Assessorato Comunicazione – Turismo e Marketing territoriale – Grandi eventi della Città di Cosenza, oltre che dell’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria.

B-book festival è possibile grazie al sostegno di Save the Children e di Crescere al Sud.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità